Part Time Selezione Stampa Sicurezza sul lavoro

“Sei corsi e un consulente per assumere un part time”

Il Corriere della Sera ha pubblicato la lettera qui sotto ricevuta da una lettrice che, due anni fa, ha aperto un affittacamere di sei stanze in Puglia. Ora ha deciso di assumere la prima persona. Ma non ha fatto i conti con la burocrazia.

Caro direttore,
in questi giorni in cui si parla di voucher, le scrivo per raccontarle che cosa succede a una microimpresa come la mia, finora senza dipendenti che decide di assumere un lavoratore stagionale a tempo determinato. Nel mio caso si tratta della ragazza delle pulizie che l’anno scorso ha lavorato per me con i voucher e che, prima ancora che si annunciassero tutti questi cambiamenti, avevo già deciso di confermare con un contratto per l’estate 2017, per fare le cose perbene e perché se lo merita. Il contratto sarà per 3 mesi e 15 giorni, part time, 20 ore settimanali.

Ecco però cosa mi succede ora: io divento – giustamente- datore di lavoro e, ai sensi del D.Lgs. 81 del 2008, ho tutta una serie di adempimenti in materia di sicurezza sul lavoro da rispettare, soprattutto corsi da frequentare. Nel mio caso specifico (azienda a rischio basso) mi aspettano:
– 16 ore corso RSPP (responsabile servizio prevenzione e protezione)
– 12 ore corso primo soccorso
– 4 corso antincendio
– 20 ore corso per la sicurezza alimentare (solo per il fatto di essere titolare di un’attività dove si maneggiano alimenti preparati da altre aziende già a loro volta sicure e certificate: sostanzialmente metto in tavola prodotti confezionati e preparo caffé e cappuccino)
– 8 ore corso di sicurezza sul lavoro per la dipendente
– 32 ore di corso RLS (rappresentante dei lavoratori per la sicurezza) sempre per la dipendente.

Oltre ai corsi – che non hanno durata eterna ma vanno aggiornati – dovrò produrre il DVR (documento valutazione dei rischi): si tratta di un documento tecnico che ovviamente non posso fare io ma dovrò commissionare a un consulente. La mia è un’attività a basso rischio, questi sono quindi gli adempimenti minimi per chi decide di assumere. La formazione in materia di sicurezza sul lavoro è sacrosanta e non è mai abbastanza, ma forse occorrerebbe distinguere. Questi obblighi valgono anche per un negoziante che decide di assumere una commessa, un commercialista che assume una segretaria quando ha picchi di lavoro, ecc. La spesa da sostenere per questa formazione obbligatoria non è assolutamente in proporzione non solo alle forze di una microimpresa, ma neppure a quanto poi guadagnerà il lavoratore. Infatti valgono gli stessi obblighi anche se il contratto a tempo determinato è di 15 giorni. L’industria turistica, soprattutto al sud, vive di stagionalità e di picchi di lavoro per 2-3 settimane all’anno. Io farò tutto quello che devo e alcuni corsi li ho già conclusi, ma con tutti questi obblighi sarebbe molto più facile fare un passo indietro e tenere il lavoratore in nero piuttosto che farne uno in avanti e regolarizzarlo.

Potrebbero interessarti anche
Il mio canto libero/ L’autoregolazione in luogo delle leggi su rappresentanza o salario minimo
La povertà si combatte con più produttività
Pwc: il 40% dei lavoratori sarà sostituito dai robot in 15 anni

Scrivi il tuo commento

Commento*

Nome*
Sito

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.