Eurofound Il commento Lavoro irregolare

Lavoro nero, il problema non è solo l’Italia

Il ricorso a forme fraudolente di lavoro è una questione importante in molti paesi europei. In questo quadro un recente rapporto di Eurofound esamina queste pratiche in tutta L’Unione europea e mostra come il problema è affrontato nei diversi 28 (?) Stati membri. Applicando criteri giuridici, lo studio definisce, quindi, l’uso fraudolento di lavoro, o comunque di un altro tipo di rapporto contrattuale assimilabile, sulla base di due condizioni coesistenti, per cui: serve un accordo contrattuale e le circostanze di fatto non corrispondono ai requisiti formali, legali per questa specifica forma di lavoro. E’, tuttavia, poi difficile distinguere in pratica se l’accordo sia legale, sommerso, fraudolento e/o illegale. In molti casi, infatti, i contratti hanno lo scopo di dare l’impressione che questi siano forme legittime di lavoro. Solo un esame più attento può, infatti, farci capire se il contratto è corretto o nasconde, invece, un diverso rapporto.

L’analisi dei diversi contesti nazionali indica tre forme di lavoro che sembrano essere più colpite da utilizzo fraudolento: il lavoro autonomo, il lavoro a tempo determinato e il distacco dei lavoratori. Nel 79% dei paesi coperti dallo studio europeo emerge che l’uso fraudolento del lavoro autonomo (si pensi alle false “partite IVA”) è stato significativo. In più della metà dei paesi (il 55%) è stato poi registrato l’uso fraudolento del lavoro a tempo determinato, mentre l’abuso dei lavoratori in distacco interessava il 52% degli stati. Meno significativo l’utilizzo fraudolento del lavoro interinale (in Italia diremmo lavoro somministrato) che si ferma al 41% degli apprendisti e tirocinanti, dei rapporti contrattuali tra imprese e delle altre forme di lavoro temporaneo, come quello a chiamata o lo stagionale.

Come prevedibile, l’uso fraudolento del lavoro coinvolge tutti i settori e le professioni, in particolare i media, l’arte, il turismo e la ristorazione, dove si segnala l’utilizzo fraudolento di tirocini e lavoro stagionale. Sembra insomma, anche dai dati europei, che l’Italia non sia il solo Paese chiamato a dover combattere la dura battaglia per sconfiggere il fenomeno del lavoro a vario titolo nero. Il recente boom di voucher, e ancor pirma del lavoro a chiamata, sembra, peraltro dimostrare che anche il Jobs Act non stia riuscendo a vincere la sfida. Come, tuttavia, si dice spesso che non è che il lavoro si crea per decreto, altrettanto vale per eliminare l’utilizzo fraudolento dei contratti più o meno flessibili.  Serve, infatti, prima di tutto una grande rivoluzione culturale che metta, nei fatti e non solo nelle parole, il lavoro al centro.

Giancamillo Palmerini

Articolo pubblicato anche su ilsussidiario.net

Potrebbero interessarti anche
Considerazioni in ordine al licenziamento disciplinare nel comparto pubblico
La nuova “tegola” per il lavoro
Contratti/ la “flessibilità” che può costare cara alle imprese

Scrivi il tuo commento

Commento*

Nome*
Sito

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.