Eurofound Parità di genere

Lavoro, disparità di genere: il costo per l’Europa è di 370 miliardi l’anno

Secondo il rapporto dell’Agenzia UE Eurofound presentato al Parlamento Europeo la scorsa settimana, nonostante il tasso di occupazione femminile sia aumentato durante la crisi economica, la divergenza nell’occupazione tra uomini e donne in Europa e nella maggior parte dei paeasi membri è ancora significativa. A questo proposito, il rapporto si concentra sugli aspetti principali e le conseguenze dovute alla divergenza nell’occupazione e nell’inclusione del mercato del lavoro e decreta come la riduzione della divergenza nell’occupazione tra uomini e donne debba diventare un importante obiettivo economico e sociale. Dal rapporto emerge che nel 2013 il costo totale del tasso più basso di occupazione femminile era di 370 miliardi di Euro, che corrisponde al 2.8% del PIL europeo. L’italia vede nel 2015 il suo tasso di occupazione femminile fermo al 47.2% contro la media Europea del 60.4% ed e’ di 88 miliardi di euro la perdita annuale Italiana dovuta alla bassa occupazione femminile rispetto a quella maschile.

Leggi qui il rapporto Gender Employment Gap: challenges and solutions.

Inoltre, sebbene l’occupazione rappresenti la fonte principale di reddito e il mezzo principale per combattere la privazione e la povertà, la participazione delle donne nel mercato del lavoro assicura il loro benessere e la loro valorizzazione. Incoraggiare una maggiore partecipazione delle donne nel mondo del lavoro è dunque un obiettivo cruciale al fine di raggiungere un tasso di occupazione di almeno un 75% in più entro il 2020.

Potrebbero interessarti anche
Disuguaglianze di reddito e welfare occupazionale in UE: lo studio di Eurofound
Per Eurofound ci sono diversi tipi di NEET
Eurofound: gli effetti di una riduzione dei costi non salariali sull’occupazione

Scrivi il tuo commento

Commento*

Nome*
Sito

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.