Articolo 18 associazione in partecipazione co.co.pro. Collaborazioni a progetto Contratti di lavoro costo del lavoro Delega Lavoro flessibilità Italia Jobs Act Lavoro privato Legge Biagi legge Fornero Mansioni Mercato del lavoro Occupazione orario di lavoro partite iva Statuto dei Lavoratori

Jobs act, Sacconi: cambiato Statuto dei lav., corretta Legge Fornero, ora Testo Unico.

FIAT: SACCONI, OK SINDACATI INCORAGGIA, FIOM ISOLATA

“I provvedimenti del Consiglio dei Ministri in materia di lavoro recepiscono ampiamente le proposte di Area Popolare con particolare riferimento 1) alla applicazione del superamento dell’art.18 anche ai licenziamenti collettivi e alle ipotesi di trasformazione dei contratti a termine e di apprendistato; 2) alla definizione certa del confine tra lavoro subordinato e lavoro autonomo così da liberare la partita IVA dai pregiudizi della legge Fornero abrogandone la parte relativa; 3) alla espansione del lavoro accessorio a voucher fino a 7000 euro; 4) al mantenimento del contratto a termine di 36 mesi e del lavoro intermittente; 5) alla ulteriore semplificazione dell’apprendistato istruzione-lavoro; 6) alla flessibilità delle mansioni anche attraverso accordi individuali; 7) alla liceità delle tecnologie di controllo a distanza; 8) alla prima applicazione al lavoro pubblico delle regole del lavoro privato relative alle Co.co.co. dal 2017.

Ne risulta profondamente cambiato lo Statuto dei Lavoratori per licenziamenti, mansioni e tecnologie, così come viene confermata la legge Biagi che perde solo il lavoro ripartito applicato peraltro a meno di 300 lavoratori. La cancellazione delle collaborazioni coordinate e continuative, ad essa preesistenti, prevede le ampie eccezioni dei settori in cui ci sono accordi sindacali che le regolano come i call center per le telefonate “in uscita”, le ricerche di mercato, il recupero crediti. Si ridimensiona la zona grigia della parasubordinazione ma trova maggiore legittimazione il lavoro indipendente con o senza partita IVA, non più oggetto del sospetto di nascondere subordinazione quando il committente è uno solo. Facciamo ora in modo che le nuove regole risultino semplici, certe e certamente applicate anche attraverso il Testo Unico sostitutivo dello Statuto cui il Governo e’ stato delegato”. Lo dichiara Maurizio Sacconi (Ap), presidente della Commissione lavoro del Senato.

Potrebbero interessarti anche
Consulenti del lavoro: la durata dei contenziosi fattore di allontanamento degli investimenti esteri dal nostro Paese
‘Statuto dei lavori”, ecco il testo del ddl depositato in Senato.
Partite Iva, scatta la presunzione di parasubordinazione.

Scrivi il tuo commento

Commento*

Nome*
Sito

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.