Camera dei deputati Istat Italia lavoro atipico Legge di Stabilità Mercato del lavoro Occupazione Senato Varie

Istat, 1 italiano su 2 “entra” al lavoro come “atipico”

Il lavoro atipico è attualmente la più frequente modalità d’ingresso o rientro nell’occupazione: su 100 persone occupate nel secondo trimestre 2014 che l’anno precedente dichiaravano di non lavorare il 55,6% svolge un lavoro atipico (48,2% un lavoro a termine e il 7,4% una collaborazione). Tale incidenza sale al 65,9% tra i giovani fino ai 30 anni.

Lo ricorda l’Istat in audizione in Parlamento sulla Legge di Stabilità, in riferimento all’articolo 12 della manovra che introduce sgravi contributivi per assunzioni a tempo indeterminato.

Nel secondo trimestre 2014 più della metà dei lavoratori a termine (il 53,9%) ha un contratto con una durata inferiore a un anno. Per una quota consistente degli atipici, la condizione di temporaneità del rapporto di lavoro si protrae nel tempo: sono 566 mila gli atipici che svolgono lo stesso lavoro da almeno cinque anni e circa la metà di questi ha un contratto di durata inferiore all’anno, rinnovati ripetutamente. In tale trimestre, – ricorda ancora Istat – il lavoro atipico (contratti a termine e collaboratori) coinvolge 2 milioni 758 mila occupati, in diminuzione di 156 mila unità (-5,4%) rispetto al secondo trimestre 2008 (periodo in cui l’occupazione in Italia ha raggiunto il suo massimo).

L’incidenza degli atipici sul totale degli occupati non ha mostrato significative variazioni: 12,3% attualmente rispetto al 12,4% nel secondo trimestre 2008. I dipendenti permanenti a tempo pieno sono quasi 14 milioni, con un’incidenza sul totale occupati pari al 53,4% e un calo di 1 milione 5 mila unità rispetto al secondo trimestre 2008, quando essi rappresentavano il 55,1% degli occupati.

Tuttavia, dopo un lungo periodo di flessione, il mercato del lavoro italiano mostra i primi segnali di stabilizzazione. L’occupazione continuerà comunque a contrarsi nel 2014 (-0,2% in termini di unità di lavoro rispetto al 2013), con il tasso di disoccupazione che quest’anno raggiungerà il 12,5% per poi scenderà lievemente il prossimo anno, fermandosi al 12,4%, con un un “contenuto” aumento dell’occupazione (+0,2%).

(fonte: Ansa)

Potrebbero interessarti anche
Istat-lavoro. Sacconi (Ncd): occupazione finalmente si muove
Lavoro: boom occupazione impresa sociale, il doppio in 10 anni
Il Jobs Act approda oggi in Aula alla Camera

Scrivi il tuo commento

Commento*

Nome*
Sito

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.