Blog

Industria 4.0, Sacconi: “Serve un welfare 4.0 per spingere l’occupazione”

Il presidente della commissione Lavoro del Senato: “Rivedere le basi imponibili e ridurre le contribuzioni a carico del lavoro per governare il cambiamento”. E sul diritto del lavoro: “Meno legge, più contratto”

intervista di Federica Meta per CorCom

Bassa occupazione e basso livello di competenze. Alta inattività ed elevata ripetitività delle mansioni. L’Italia si presenta così alla “rivoluzione 4.0”. Un quadro non certo abilitante per governare la sfida “smart” che non riguarda solo i modelli di produzione ma anche la cultura – aziendale e sindacale – e il welfare.  Le conclusioni dell’indagine conoscitiva della commissione Lavoro del Senato gettano le basi per futuri interventi normativi in grado di innovare il mercato del lavoro e metterlo al passo con i tempi di una tecnologia che “corre”.

“L’Industria 4.0 potrebbe accentuare le disuguaglianze nella distribuzione della ricchezza, la diffusa paralisi della mobilità sociale e la povertà – dice a CorCom il presidente della commissione, Maurizio Sacconi – La rivoluzione 4.0 ha un carattere di velocità mai visto prima che dà poco tempo per gestire il  cambiamento, che determina impatti profondi sul tessuto sociale e che richiede una maggiore flessibilità da parte di imprese e lavoratori”.

Le sfide che l’Italia si trova ad affrontare saranno molteplici. Da dove partire?

La trasformazione pone certamente nuove sfide che rispondono a “vecchi” bisogni così come a nuovi. Penso, ad esempio, alle criticità che stanno emergendo sui diritti del lavoro: la salute e la sicurezza devono essere garantite in una cornice nuova perché è sempre più labile il confine spazio-temporale dell’attività svolta. Sul fronte dei nuovi diritti, sta emergendo con forza quello alla disconnessione così come, soprattutto, quello alla formazione.  C’è poi il grande tema dell’equo compenso, non adeguatamente garantito. Tutti bisogni a cui l’attuale diritto del lavoro non riesce più a dare risposte adeguate.

Bisogna cambiare il quadro normativo, allora?

La legge è  sempre meno capace di inseguire un cambiamento veloce e imprevedibile ed è importante che continui a fissare i principi fondamentali e inderogabili; il resto va lasciato alla contrattazione, soprattutto di prossimità, perché più duttile e veloce. Meno legge e più contratto, insomma, per consentire condivisione e adattabilità reciproca. Entrambi devono però garantire standard retributivi minimi per ogni prestazione lavorativa, tanto dipendente quanto indipendente. Particolarmente interessante è il nuovo contratto dei metalmeccanici perché di gran lunga il più moderno.

Una delle sfide chiave della rivoluzione 4.0 è quella della formazione.

Parliamo di “diritto alla formazione continua” che allo stato confligge con i corporativismi e le autoreferenzialita che spiegano il fallimento del sistema educativo e formativo. Al centro va posta la occupabilità della persona e quindi la capacità di imparare ad imparare per tutta la vita. Più laureati anche attraverso la riqualificazione dei percorsi triennali. E un piano nazionale di alfabetizzazione digitale degli adulti.

Che fare dunque?

Bisogna cambiare metodi e contenuti pedagogici. A partire dalla integrazione tra teoria e pratica. Nell’alternanza anche il lavoro è scuola perché competenze come la responsabilità di un risultato o l’attitudine al sacrificio non si imparano in aula ma in “situazione di compito”.

Potrebbero interessarti anche
Il Rapporto Cnel: una ulteriore fotografia della crisi
Jobs act, Sacconi: o collaborazioni o Partite iva.Tertium non datur
I collaboratori familiari non sono lavoratori subordinati

Scrivi il tuo commento

Commento*

Nome*
Sito

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.