Eurofound ILO Smart working

ILO, Eurofound: il nuovo rapporto «Lavorare sempre e ovunque»

L’uso sempre più diffuso delle tecnologie digitali  — per esempio smartphone, tablet, computer e laptop — per lavorare da casa e da qualunque altro luogo, sta rapidamente trasformando il modello tradizionale di lavoro. Secondo il nuovo rapporto congiunto ILO-Eurofound pubblicato oggi, questo fenomeno può migliorare l’equilibrio tra la vita privata e il lavoro, ridurre i tempi di spostamento casa-lavoro e aumentare la produttività. Può  anche prolungare l’orario di lavoro e incrementare l’intensità del lavoro, interferendo nella vita privata.  Working anytime, anywhere: The effects on the world of work  («Lavorare in qualsiasi luogo e momento») sintetizza le ricerche effettuate in 15 paesi –10 Stati membri dell’Unione  Europea  (Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Regno Unito, Spagna, Svezia e Ungheria) e Argentina, Brasile, Giappone, India e Stati Uniti – dalle due organizzazioni,. Lo studio identifica diversi tipi di lavoratori dipendenti che utilizzano le nuove tecnologie per lavorare al di fuori dei luoghi di lavoro: i tele-lavoratori a domicilio, i lavoratori che svolgono telelavoro occasionale e «lavoro mobile digitale».

Potrebbero interessarti anche
Smart working, Bentivogli: “Anche il sindacato cambierà pelle”
Smart working: avanza fenomeno del nomadismo professionale
24 milioni di nuovi posti di lavoro nell’economia verde

Scrivi il tuo commento

Commento*

Nome*
Sito

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.