Blog

Il mio canto libero/ Primo maggio e 70 anni della Cisl: le nuove sfide del lavoro nella ripartenza

Pubblicato su Bollettino ADAPT

Nei giorni scorsi abbiamo celebrato in successione i 70 anni della Cisl e la festa internazionale del lavoro. La cultura della organizzazione sindacale di ispirazione cristiana appare ancor più utile nel momento in cui affrontiamo una faticosa e incerta ripartenza dell’economia dopo il blocco delle attività imposto dal contagio. Dalla sua nascita, la Cisl ha coerentemente rifiutato la omologazione dei lavoratori in una indistinta classe votata al conflitto sociale, considerato quale fine ultimo della sua azione il benessere di ciascuna persona nella sua originalità, ritenuto l’impresa una comunità nella quale promuovere relazioni collaborative. La Cisl ha sempre difeso l’autonomia dei corpi sociali diffidando delle ingerenze del legislatore perché il contratto è per definizione flessibile, adattivo tra le parti, tanto quanto la legge è omologa, rigida e dipendente dai mutevoli equilibri politici. Per questa ragione si è opposta ad una regolazione legislativa del salario minimo e della rappresentatività sindacale che porterebbe le organizzazioni tutte nella dimensione pubblicistica. Sarebbe la vittoria postuma del corporativismo contro l’idea di società aperta che ha informato tutta la storia repubblicana dei corpi intermedi. Liberi e responsabili loro e gli accordi che reciprocamente stabiliscono.

Ci interroghiamo ora, con preoccupazione, sulle conseguenze occupazionali della combinazione tra rivoluzione tecnologica e recessione globale di origine pandemica. La ripresa vedrà probabilmente la morte di molte imprese marginali, la sopravvivenza in dimensione più contenuta di altre e la accelerazione diffusa dei processi di digitalizzazione con il risultato della scomparsa di molti posti di lavoro tradizionali. Sarà difficile per un sindacato partecipativo concorrere a gestire questi processi in modo che si traducano in posti di lavoro e in occupabilita delle persone. Vi sarà da un lato la propensione ideologica ad agire centralisticamente con illusori vincoli legislativi come quello collegato ai benefici della liquidità. E, dall’altro, la tentazione di molte imprese di sostituire quanto più possibile il lavoro con la tecnologia senza dialogo sociale. La stessa esperienza del lavoro da remoto potrebbe sollecitare questo convincimento.

Si accentueranno quindi i problemi della transizione ad altre professionalità per molti lavoratori e l’esigenza di politiche attive che li accompagnino efficacemente. Avevamo in Italia la buona pratica lombarda della “dote lavoro”, che consegnava al disoccupato la scelta del servizio cui rivolgersi, ma è stata fermata da una capziosa indagine europea sull’uso dei fondi relativi. Toccherebbe alle parti sociali difenderla e riproporla su scala nazionale per stimolare la competizione tra soggetti pubblici e privati in funzione del migliore accompagnamento al lavoro. Inoltre, è giunto davvero il momento di utilizzare con procedure semplificate le risorse del Fondo Sociale Europeo e dei fondi bilaterali per un piano nazionale di alfabetizzazione digitale. Soprattutto, solo un’azione sindacale moderna e duttile potrebbe conquistare le condizioni per la condivisione. Occorrono flessibilita regolatorie che, tuttavia, difficilmente governo e parlamento potranno garantire anche perché serviranno diverse nelle varie circostanze. Solo accordi aziendali e territoriali in deroga alle leggi e ai contratti nazionali potranno definire nuovi moduli di orario, rendere produttivo il lavoro a distanza, semplificare l’uso dei contratti a termine, conservare le collaborazioni senza la rigidità che le ha assimilate tutte a lavoro subordinato. La Cisl sarà certamente pronta a condividere soluzioni pragmatiche. Gli imprenditori, le loro associazioni, i consulenti del lavoro saranno disponibili anche ad accordi “separati”, ove inevitabili, o preferiranno approfittare della chiusura ideologica di altri sindacati per fare da soli? Come ha detto il vicesegretario della Cisl Luigi Sbarra, in una recente intervista, tocca soprattutto al sindacato proporre le giuste flessibilita’ se si vogliono salvare e produrre posti di lavoro.

Maurizio Sacconi

Potrebbero interessarti anche
Una ricetta per la competitività
Sacconi: “Rischiamo la bocciatura Ue. Pubblico escluso? Non finisce qui”
Prime riflessioni sull’accordo sulla rappresentanza
1 Commento
  • Umberto, Antonio TOLVE
    9 Maggio 2020 at 20:33
    Reply

    Solo cogliendo il Mercato del Lavoro come Sistema Dinamico, articolato in tutte le sue Componenti, si arriverà davvero a Liberalizzarlo.
    Come va’ rispettata la Vocazione Imprenditoriale di ciascuno, va’ rispettata la Libertà di chi vuole usare il Tempo della Vita per Crescere in Competenze ed Esperienze Professionali, di certo senza Pregiudizi verso chi rischia propri Capitali, Know-How ed Energie ma anche senza Connivenze Amorali ed Incacrenite Dottrine.

    Governare la Digitalizzazione Bancaria con il CNL relativo, e quella Industriale con il CNL dei Metalmeccanici, quella della Pubblica Amministrazione con il CNL P.A., quella delle TLC con quello delle TLC è in sé Dispendioso, per niente Sinergico ed Improduttivo.

    Serviva, già 20 anni orsono, figuriamoci oggi, far convergere le diverse Professionalità che l’Offerta Formativa Scolastica ed Accademica ha generato (anche diversificandola) negli anni, in un CNL ad hoc … quello del Terzo Settore dell’Ingegneria.

    Serviva manutenere annualmente non appena i Codici ISTAT/EuroStat dei Titoli di Studio e delle Classi di Laurea, delle Professioni e delle Attività Economiche, ma anche mettere tutti questi Codici in Relazione di Normalità (Informatica) tra loro.

    Serviva non concedere l’Automatica Esenzione annuale dai Ticket Sanitari Regionali, in base al Reddito del Dichiarante ma, rovesciando il criterio, sulla base della Rilevazione costante del Reddito Individuale, formulare adeguate Proposte Professionali a ciascuno, migliorando, di conseguenza, la Capacità Contributiva Individuale e facendo Tendere a Zero il Ricorso alla Cassa Integrazione Ordinaria e Straordinaria dovuta a Crisi di Sistema ed Incapacità Manageriali Individuali.
    Serviva Servire con Carità Intellettuale ogni singolo Lavoratore /Lavoratrice, indipendentemente dal suo agire nel Mercato del Lavoro come Dipendente, ovvero come Dirigente, ovvero come Consulente.
    Secondo l’Apostolo Paolo, la Realtà, nella Totalità dei suoi Fattori, è Cristo e lo stesso San Paolo invitava i primi cristiani a servire Cristo Signore.
    E’ la Realtà che pone il Metodo con cui rapportarsi ad essa, non al contrario avere uno schema ideologico, populistico, propagandistico da applicare al Reale.

    Amen !!!
    Pro Sit !!!

Rispondi a Umberto, Antonio TOLVE Annulla risposta

Commento*

Nome*
Sito

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.