Eurofound Mercato del lavoro

Eurofound, Italia: 7 lavoratori part time su 10 lo sono involontariamente

Il 9,6% dei lavoratori della Ue vive a rischio povertà: la percentuale ovviamente aumenta per i lavoratori part time, i lavoratori autonomi senza propri dipendenti e i lavoratori temporanei. Eurofound è l’agenzia tripartita dell’UE che fornisce le conoscenze per contribuire allo sviluppo di migliori politiche sociali, occupazionali e relative al lavoro. Purtroppo la percentuale di lavoratori a rischio povertà nella Ue è aumentata di circa un punto dal 2007 al 2014. Il Paese che, nel 2014, ha registrato la maggiore percentuale di lavoratori a rischio povertà è la Romania (19%). Seguono Grecia, Spagna, Estonia, Italia. Il nostro Paese nel 2014 ha circa l’11% dei lavoratori a rischio povertà contro il 10% circa del 2007. I Paesi Ue più virtuosi sono Danimarca, Belgio, Finlandia e Repubblica Ceca. Lo studio di Eurofound evidenzia che sono anche aumentati i lavoratori part time involontari. Nel 2014 nella Ue ogni 3 lavoratori part time uno lo era involontariamente. In Italia ogni 10 lavoratori part time sette lo sono involontariamente.

Working time patterns for sustainable work

Non-standard forms of employment: Recent trends and future prospects

In-work poverty in the EU

Potrebbero interessarti anche
Relazione Erm sul futuro del mercato del lavoro europeo. Saranno più i posti persi che quelli che verranno creati
Internet: boom imprese in Italia, +54% in 3 anni, 1 su 5 in Lombardia
Gender gap. Eppure le donne italiane sono tra quelle che vogliono lavorare di più.

Scrivi il tuo commento

Commento*

Nome*
Sito

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.