Category : Selezione Stampa

Pensioni Selezione Stampa

Modello già vecchio, il welfare si adatti alle nuove insicurezze

Pubblicato su Il Sole 24 Ore

Caro Direttore,

leggo con una certa sorpresa l’intervista del Presidente Boeri nella quale si attribuisce a me e al collega Damiano il proposito di bloccare il collegamento tra età di pensione ed aspettativa di vita cui conseguirebbero oneri di finanza pubblica di straordinaria entità. La cosa un po’ mi offende perché sono l’autore di quella norma anche se applicata ad una età ben inferiore a quella stabilita in un solo balzo dalla riforma Fornero. Tutto il mio lungo impegno parlamentare è stato d’altronde dedicato a rendere più sostenibile il sistema previdenziale collaborando al tentativo di De Michelis nel 1984, alla manovra Amato nel 1992, alla riforma Maroni nel 2006. Oggi ho condiviso con Damiano l’esigenza immediata di rallentare l’ulteriore allungamento della vita lavorativa di una generazione già prossima a pensione nel momento in cui ha subito un repentino spostamento dell’età obbligatoria di circa sei anni. Un po’ di buon senso per tutti non guasta dopo una riforma rigidissima e successive deroghe ad essa per singoli segmenti sociali, dagli esodati ai precoci ai beneficiari dell’Ape sociale, che hanno così favorito solo alcuni e comportato impegni di spesa per quasi venti miliardi. Per favorire un sereno confronto, numeri alla mano, tra Governo e Parlamento non abbiamo nemmeno precisato i termini della possibile rimodulazione.

Continua a leggere
lavoro intermittente Selezione Stampa voucher

Lavoro a chiamata +13,1%, sostituisce voucher. Accelera tempo determinato.

Il numero dei lavoratori a chiamata o intermittenti «nel primo trimestre 2017 subisce un notevole incremento (+13,1%), anche a seguito di fenomeni di sostituzione rispetto ai voucher». Lo afferma la nota congiunta di Istat, Ministero del Lavoro, Inps e Inail. Questo incremento segue quattro anni di progressiva riduzione tendenziale, interrotta solo dal leggero rimbalzo del quarto trimestre 2016 (+2,5%). Resta invece sostanzialmente stabile l’intensità lavorativa misurata come numero medio di giornate retribuite, 10 al mese. I voucher da 10 euro venduti nel primo trimestre 2017 sono stati 28,5 milioni, con una riduzione del 2,1% rispetto ai 29,1 milioni del primo trimestre 2016. La nota trimestrale congiunta spiega che «ciò è determinato soprattutto dal fatto che dal 18 marzo 2017 i voucher non sono stati più posti in vendita a seguito dell’entrata in vigore del decreto legge 25 del 17 marzo 2017 che ne ha disposto l’abrogazione».

Continua a leggere
Formazione Selezione Stampa

Puntare sull’alfabetizzazione digitale

Articolo pubblicato su Il Sole 24 Ore

I professori Nannicini e Leonardi hanno utilmente avviato su questo giornale una riflessione sul modo migliore di tutelare i lavoratori nelle crisi aziendali. Gli straordinari cambiamenti indotti dal salto tecnologico nei modi di produrre hanno tuttavia evidenziato come i mercati del lavoro siano caratterizzati da transizioni professionali ricorrenti e perciò bisognose non tanto di saltuarie attività di ricollocamento quanto di permanenti ed efficaci opportunità per tutti di apprendimento da fonti formali, informali, non formali. La occupabilità di una persona si produce infatti come conseguenza di una buona educazione e del continuo aggiornamento delle sue abilità e competenze. In Italia il problema della riqualificazione dei lavoratori è poi amplificato dalla grande dimensione delle cosiddette competenze intermedie, tipiche delle attività ripetitive nelle tradizionali manifatture, come tali destinate a progressiva sostituzione.

Continua a leggere
Selezione Stampa Università

Ritornare allo spirito della legge Biagi

Articolo pubblicato su Il Sole 24 Ore

Nessuna velleità di competere con le agenzie private per il lavoro. Ancor meno la pretesa di rilanciare le sorti di un collocamento pubblico che, nel nostro Paese, mai ha operato a regime. Piuttosto la richiesta ai docenti di un impegno concreto per l’occupabilità dei propri studenti realizzando una funzione ritenuta insostituibile: quella di facilitare il loro passaggio dall’università al mondo del lavoro. È in questa prospettiva che si deve valutare la previsione della legge Biagi, passata in secondo piano nella contesa politico-sindacale sulla flessibilità del lavoro, di affidare al sistema universitario (e a quello scolastico più in generale) un ruolo chiave nella costruzione dei presupposti di un vero e proprio sistema dell’incontro tra la domanda e l’offerta di lavoro.

Continua a leggere
Intervista Selezione Stampa

“Pd, tiro al piccione su Gentiloni per non farlo premier nel 2018”

Intervista a Maurizio Sacconi di Fausto Carioti

(da Libero)

Maurizio Sacconi non ha digerito l’abrogazione dei voucher per il lavoro occasionale, decisa dal governo per scappare dal referendum della Cgil. «La buona politica muove sempre dall’osservazione della realtà, quella cattiva muove da schemi ideologici nel migliore dei casi, autoreferenziali nel peggiore», dice l’ex ministro del Welfare.

Continua a leggere
Industria 4.0 Selezione Stampa

Oltre i robot, un mondo che cambia

Riportiamo a seguire l’articolo di Francesco Seghezzi, Responsabile comunicazione e relazioni esterne di Adapt, pubblicato su Il Foglio il 16 aprile 2017.

È ormai chiaro che un nuovo spettro si aggira per il mondo e non solo. Non si tratta del comunismo, ma dell’algoritmo, e più in generale della tecnologia e delle sue conseguenze sul mondo del lavoro. C’è poco di nuovo in questo incubo contemporaneo, tanto che si potrebbero riempire manuali analizzando le teorie a riguardo elaborate negli anni dagli economisti. Come spesso accade il tema sta generando uno scontro dialettico tra le posizioni di chi vede imminente la fine del lavoro e chi vede nella tecnologia una possibilità di rinascita, se non di liberazione dell’uomo dal lavoro e dal suo peso. Un dibattito che, in assenza della possibilità di effettuare previsioni serie e realistiche per il futuro, non fa che essere alimentato giorno dopo giorno da pubblicazioni e report più o meno fondati metodologicamente, in cui spesso vengono prese in considerazione le brevi conclusioni più che i contenuti. Da un lato coloro che cercano di calcolare quali e quanti posti di lavoro si perderanno, dall’altro chi sostiene, quasi fideisticamente, che l’aumento complessivo di posti di lavoro avvenuto dopo ogni rivoluzione tecnologica non mancherà di arrivare anche in questo caso. Il limite del dibattito però sembra essere nel fatto che mentre si combatte la guerra dei numeri, dell’allarmismo o dell’ottimismo i processi socio-economici non si fermano. E soprattutto non si fermerebbero neanche se si pensasse di aver una risposta definitiva sulle previsioni.

Continua a leggere
Licenziamenti Selezione Stampa

Fatto (in)sussistente, alla giurisprudenza l’onere della chiarezza

La riforma dei licenziamenti individuali ha comportato notevoli incertezza sulla opzione tra reintegrazione e indennità. Giurisprudenza e dottrina hanno avuto inizialmente difficoltà a concepire che un atto unilaterale invalido potesse provocare una condanna meramente indennitaria e non il ripristino dello stato originario mediante la prosecuzione del rapporto di lavoro ma sembra esserci un cambio di rotta. Pubblichiamo a seguire l’articolo di Raffaele De Luca Tamajo pubblicato oggi su Il Sole 24 Ore.

La riforma dei licenziamenti individuali (legge 92/2012 e decreto legislativo 23/2015) è stata portata a temine senza eccessivi conflitti sociali, ma ha innescato notevoli incertezze applicative. Il faticoso compromesso politico alla base ha introdotto un delicato spartiacque tra la sanzione reintegratoria e quella meramente indennitaria del licenziamento illegittimo, spartiacque imperniato sulla controversa nozione del “fatto (in)sussistente”.

Continua a leggere
Industry 4.0 Selezione Stampa

Pwc: il 40% dei lavoratori sarà sostituito dai robot in 15 anni

Pubblichiamo un articolo tratto dal Corriere delle Comunicazioni:

La rivoluzione dei robot potrebbe essere più vicina di quanto immaginiamo. E gli effetti più dirompenti potrebbero manifestarsi già nell’arco di 15 anni, quando le macchine avranno già sostituito il 38% dei lavoratori in carne e ossa degli Stati Uniti, il 35% di quelli tedeschi, il 30% di quelli del Regno unito e il 21% dei lavoratori giapponesi. La previsione viene da una recente ricerca di Pricewaters-Coopers, secondo cui la differenza di penetrazione nelle diverse aree geografiche è direttamente legato al livello di istruzione medio nei vari territori. Dove è più alto, la sostituzione di uomini con automi è più difficile, mentre dove gli uomini svolgono invece semplici funzioni meccaniche poco specializzate le macchine contenderanno il lavoro agli umani.

Continua a leggere
Retribuzioni Selezione Stampa

Retribuzioni e costo della vita: l’Italia è in fondo alla classifica

Dall’ultima indagine Global 50 Remuneration Planning della società di consulenza Willis Towers Watson, condotta su 20 paesi europei (le economie più forti) l’Italia si colloca ai livelli più bassi della graduatoria, sia per gli entry level sia per i “middle manager”.  L’analisi comparata, a livello europeo, delle retribuzioni dice che l’Italia è allineata con la media europea, ma i middle manager italiani hanno un potere di acquisto più basso rispetto ai loro omologhi negli altri Paesi europei. 

Il Sole 24 Ore riporta i risultati dell’indagine:

Considerando le prime 20 economie europee, se middle manager ed entry level italiani sono al 14esimo posto per la loro retribuzione annuale lorda, scendono invece rispettivamente al 17esimo e al 15esimo posto se invece si considera il loro potere di acquisto. Cuneo fiscale e costo della vita sono molto diversi da paese a paese. E ad incidere di più sulla capacità di acquisto dei lavoratori italiani sembra proprio essere la tassazione. «Nei paesi come l’Italia – spiega Monni – caratterizzata da un’imposizione fiscale di tipo progressivo, i livelli retributivi reali sono più bassi rispetto agli altri paesi all’aumentare di carriere e retribuzioni».

Continua a leggere
Intervista Selezione Stampa

«Biagi intuì il nuovo lavoro. L’abolizione dei voucher? Ideologia che nega la realtà»

Intervista a Maurizio Sacconi di Monica Zicchiero per Corriere del Veneto

Marco Biagi pensava si dovesse partire da un principio di realtà. Aveva l’idea di far emergere tutto, anche gli spezzoni di “nero” lavorativo che erano sotto gli occhi di tutti attraverso i voucher. L’ideologia pensa che se aboliamo i voucher, aboliamo gli spezzoni lavorativi. La realtà invece si vendica delle posizioni ideologiche. E, come l’acqua, troverà le sue strade». Maurizio Sacconi, trevigiano, presidente della commissione Lavoro al Senato, è stato ministro. L’anniversario dell’assassinio del giuslavorista Marco Biagi – trucidato il 19 marzo 2102 dalle Nuove brigate Rosse – lo trova politicamente sulle posizioni di Energie per l’Italia, il progetto di Stefano Parisi che vuole imprimere una svolta all’area liberal-popolare. Storicamente lo incontra nel post-tutto dell’Italia che ha da poco abolito i voucher e sta dismettendo le certezze su flessibilità, innovazione e liberalizzazione che dagli anni Novanta hanno dettato l’agenda.

Continua a leggere
1 2 3 4