Category : NEET

Apprendistato NEET PwC

Young Workers Index 2016: giovani italiani, giacimento non sfruttato

 

apprendistatoL’Italia è uno dei Paesi che potrebbe beneficiare di più della riduzione del numero di giovani tra i 20-24 anni non iscritti a scuola, non occupati e non in formazione professionale (NEET). Se in Paesi come Regno Unito, USA e Francia deriverebbe uno slancio economico pari al 2-3% del PIL in Italia, Turchia, Spagna e Grecia la spinta addizionale sarebbe addirittura del 7-9%.E’ quanto emerge dall’ultima edizione dello studio Young Workers Index elaborato dalla multinazionale della consulenza aziendale PwC, che dal 2006 analizza il livello di occupazione, scolarizzazione e formazione professionale dei giovani di 15-24 anni nei paesi OCSE, ed il collegato potenziale economico.

Continua a leggere
NEET OCSE

Ocse: in Italia i Neet “costano” 1,4% Pil, 80% giovani vive con genitori

ocseÈ stato pubblicato Society at a Glance 2016, lo studio annuale dell’Ocse che analizza il benessere sociale e i suoi trend nei 34 Paesi industrializzati. Quest’anno i riflettori sono puntati sui giovani, a cominciare dai Neet, i giovani nella fascia 15-29 anni, che non sono né occupati, né a scuola o in formazione, che in Italia sono aumentati nettamente durante la Grande Recessione. Gli italiani si distinguono, loro malgrado, anche per l’elevata disoccupazione, i bassi livelli di competenze scolastiche, il calo dei redditi che contribuisce a farli restare in famiglia (8 su 10 tra i 15 e i 29 anni), rinviando tappe importanti della vita adulta.

Continua a leggere
disoccupazione ImpresaLavoro NEET

ImpresaLavoro: tra 2007-2015 record giovani disoccupati,+17,4%

Dal 2007 al 2015 la disoccupazione giovanile in Italia è aumentata di 17,4 punti percentuali, passando dal 21,4% (ultimo trimestre 2007) al 38,8% (ultimo trimestre 2015). Nello stesso periodo di tempo la categoria dei Neet, i giovani non occupati che non frequentano né scuole né corsi di formazione, è inoltre cresciuta di 7,4 punti percentuali (passando dal 19,5% al 26,9%). In entrambi i casi il nostro Paese si colloca ai gradini più bassi nelle rispettive classifiche a livello europeo. Lo rivela una ricerca del Centro studi ImpresaLavoro, su elaborazione di dati Ocse.

Continua a leggere
Eurofound Il commento NEET

La “svolta” mancante per i Neet italiani

Nel contesto della grande crisi degli scorsi anni che, in particolare, in Europa ha colpito duramente i più giovani, ricercatori e istituzioni hanno cercato di individuare nuovi modi di monitoraggio, e di analisi, delle dinamiche del nostro mercato del lavoro. Dal 2010 il concetto di Neet (giovani non impegnati nello studio, né nel lavoro e né nella formazione) è stato così ampiamente utilizzato come strumento per informare le “nuove” politiche giovnaili dell’Unione Europea a 28. Un termine, quello di Neet, che è stato utilizzato per la prima volta negli anni Novanta in Gran Bretagna con riferimento alla necessità di reintegrare i giovani, di età tra i 16 e i 18 anni, che avevano abbandonato percorsi d’istruzione e formazione, ma, allo stesso tempo, non erano ahimè, entrati nel mondo del lavoro.

Continua a leggere
Eurofound NEET

Per Eurofound ci sono diversi tipi di NEET

Dal 2010 il concetto di NEET (giovani non occupati e non in istruzione o formazione) è stato ampiamente usato con riferimento alle politiche di occupazione giovanili nei 28 Stati membri dell’Unione europea. Nonostante si sia rivelato un prezioso strumento per comprendere la vulnerabilità economica e sociale dei giovani e della loro partecipazione al mercato del lavoro, questo concetto è stato spesso criticato a causa della eterogeneità del campione di popolazione a cui si riferisce. Il rapporto pubblicato dall’Agenzia UE Eurofound esplora la diversità dei NEET nella loro composizione e suggerisce sette sottogruppi in cui è possibile disaggregare tale campione utilizzando i dati di routine raccolti per l’indagine sulla forza lavoro dell’UE. Attraverso l’analisi dei dati con riferimento a ciascuno di questi sottogruppi, il documento offre una panoramica attuale del fenomeno sia a livello sovranazionale (EU 28) sia in ciascuno Stato membro. L’intento è quello di orientare i decisori pubblici ad interventi ancor più mirati a facilitare la formazione e l’impegno dei giovani nel mondo del lavoro.

Leggi il Rapporto di Eurofound

Leggi l’Executive Summary del Rapporto

Continua a leggere
Assunzioni Contratti di lavoro disoccupazione disoccupazione giovanile Economia Europa Giovani Istituto Toniolo Italia Lavoro privato Mercato del lavoro NEET Occupazione Studi Varie

Istituto Toniolo: per i giovani italiani poca fiducia nella ripresa

La principale causa della disoccupazione e’ attribuita dal 37,3% dei giovani intervistati, ai limiti della domanda nel mercato del lavoro, considerata sia ridotta come quantità sia bassa come qualità, a cui va aggiunta una mancanza d’investimenti in ricerca e sviluppo. E’ quanto emerge dal secondo rapporto su “La condizione giovanile in Italia-rapporto giovani 2014“, promosso dall’Istituto Giuseppe Toniolo in collaborazione con l’Università Cattolica del Sacro Cuore e con il sostegno di Fondazione Cariplo e di Intesa Sanpaolo.

Continua a leggere
disoccupazione disoccupazione giovanile Garanzia Giovani indagine Istat Mercato del lavoro NEET Occupazione Youth Guarantee

Istat, Sacconi (Ap): dati allarmanti chiedono più coraggio

FIAT: SACCONI, OK SINDACATI INCORAGGIA, FIOM ISOLATA

“La rilevazione Istat sull’occupazione è particolarmente allarmante perché si amplia il nostro divario con l’Europa e sollecita quindi decisioni più coraggiose per invertire le tendenze in atto nel nostro mercato del lavoro e nella nostra economia. Sembriamo ancora un paese bloccato nel quale continua a rattrappirsi la propensione ad investire. La diminuzione del numero degli occupati si coniuga con la caduta della produzione industriale in autunno.

Continua a leggere
Apprendistato Contratti di lavoro disoccupazione giovanile Europa Formazione professionale Garanzia Giovani Giovani Italia Mercato del lavoro NEET Occupazione Tirocini Unione Europea Youth Guarantee

Il “nuovo” flop della Garanzia Giovani

320832_596072863738579_1829113319_n

di Giancamillo Palmerini*

La calza della Youth Guarantee che ha portato ieri la Befana ai giovani Neet italiani conteneva più duro carbone o dolci succulenti da godersi nei prossimi giorni? Per capirlo è opportuna, quindi, un’analisi, per quanto sommaria, dei dati a nostra disposizione con riferimento all’anno appena concluso.

Continua a leggere
disoccupazione disoccupazione giovanile Economia Europa Giovani Italia Mercato del lavoro NEET Occupazione Studi Unione Europea

Rapporto giovani: gli italiani disillusi, cercano lavoro all’estero

I giovani italiani sono sempre più disillusi rispetto alla possibilità di trovare lavoro in Italia e sempre più disponibili a guardare fuori confine. E’ quanto emerge dal secondo rapporto sulla condizione giovanile in Italia promosso dall’Istituto Giuseppe Toniolo in collaborazione con l’Università Cattolica. Oltre l’85% degli intervistati (19-32 anni) è convinto, infatti, che in Italia siano scarse o limitate le opportunità lavorative legate alle proprie competenze professionali.

Continua a leggere
Contratti di lavoro disoccupazione disoccupazione giovanile Editoriali e commenti Europa Garanzia Giovani Giovani Italia Jobs Act Mercato del lavoro NEET Occupazione Youth Guarantee

Il deserto intorno a Garanzia Giovani

Editoriale di Romano Benini per Workmagazine

Il cattivo stato di salute delle nostre politiche per la formazione ed il lavoro è ben dimostrato dalle difficoltà nell’attivazione del programma della Garanzia giovani. Oltre all’evidente problema della debolezza dei servizi per l’impiego e del sistema delle agenzie per il lavoro accreditate, ancora lontane dalla capacità di realizzare efficaci interventi di placement, le difficoltà della Garanzia giovani evidenziano problemi del tutto politici.

Continua a leggere
1 2