Category : Lavoro

Lavoro

Perché critico le tesi dei 5 Stelle sul lavoro escogitate da Giorgio Cremaschi

Il secondo quesito lavoristico proposto dal Movimento 5 Stelle assume quale presupposto che l’impresa debba essere necessariamente un luogo di democrazia universale. Se è ben vero che una fondamentale convenzione dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro impegna ogni Paese a garantire la libera organizzazione sindacale e la libera contrattazione collettiva, ciò non significa obbligare ogni comunità di lavoro a dotarsi di rappresentanze unitarie fondate sul voto universale. Proprio il principio di libertà ammette che molte aziende non siano “unionizzate” e quello del pluralismo sindacale consente a ciascuna associazione di regolarsi con modalità proprie e quindi non necessariamente condivise con le altre. Il vincolo della firma del contratto per l’agibilità sindacale fu la conseguenza sciocca di un referendum voluto proprio dall’organizzazione di Cremaschi cui la Consulta ha posto rimedio. D’altronde, nella contrattazione le parti sono libere di individuare soluzioni condivise o di dissentire. La regola essenziale riguarda l’auspicabile convergenza degli interessi sostenuta dai “rapporti di forza” verificabili in ogni circostanza. Lo Stato insomma si limiti a poche, leggere, norme di sostegno e non pretenda di attrarre nella dimensione pubblicistica anche le libere associazioni di tutela e rappresentanza. Troppe situazioni in Italia sono instabili per il contenzioso temerario che generano e i lunghi tempi di attesa di giudizi spesso imponderabili. Evitiamo di condurre in questo ambito anche gli accordi sindacali minando quel po’ di concordia che ancora si genera nella nazione.

Maurizio Sacconi

Continua a leggere
Lavoro trasporti

La norma che mette a rischio 1.000 posti di lavoro

FlixBus è un operatore, recentemente apparso nel mercato italiano ed europeo, della mobilità che si pone l’obiettivo di cambiare il modo di viaggiare di milioni di persone in Europa. Rappresenta, infatti, un connubio quasi unico tra start-up tecnologica, piattaforma di e-commerce e azienda di trasporti, che in pochissimo tempo ha creato la rete di autobus “intercity” più estesa d’Europa. Grazie a un sistema di prenotazioni semplicissimo e a una rete in continua espansione, offre a chi viaggia la possibilità di scoprire il mondo, con un’offerta adatta a tutte le tasche (i prezzi possono arrivare addirittura fino a 1 euro). Con standard certamente elevati di comfort, sicurezza e sostenibilità, FlixBus può rappresentare, inoltre, un’alternativa di viaggio conveniente e green (come ci chiede anche l’Europa). 

Continua a leggere
Il commento Lavoro Presidenziali USA

Trumpeconomics, la ricetta di “The Donald” per creare lavoro

Nella notte tra l’8 e il 9 novembre gli americani, dopo una lunga campagna elettorale, hanno scelto il loro nuovo presidente: Donald Trump. Il quarantacinquesimo presidente degli Stati Uniti, Tycoon miliardario con rilevanti interessi nel settore del mattone, considerato un outsider anche da “suo” stesso partito, entrerà, tuttavia, alla Casa Bianca solo il prossimo 20 gennaio. E’, quindi, il tempo per capire meglio, anche da questa parte dell’oceano, quali sono i piani di “The Donald” per rilanciare l’economia, e il lavoro, a stelle e strisce.

Continua a leggere
Digitalizzazione Lavoro

Le implicazioni future dei media digitali sul lavoro

digitalizzazioneI media digitali stanno trasformando il mondo del lavoro. E’ quanto rileva l’indagine Shaping the future implications of digital media for society study (Le implicazioni future dei media digitali) condotta da Willis Towers Watson, in collaborazione con il World Economic Forum. “La crescita esplosiva dei media digitali -spiega- sta trasformando il lavoro e sta avendo effetti largamente positivi sulla vita professionale degli individui, sia per quanto riguarda la capacità di trovare un’occupazione o sviluppare nuove competenze professionali sia nella ricerca di un equilibrio tra vita professionale e privata. Tuttavia, in alcuni casi, sono causa di una minore produttività dei lavoratori, aumentando la disuguaglianza”. In particolare, in Italia circa l’85% della popolazione compresa nella fascia di età fra i 16 e i 54 anni utilizza uno smarphone, il 55% un tablet. C’è chi trascorre più di tre ore al giorno sui media digitali. Di questi, il 32% lo fa per ragioni di lavoro, il 28% per divertimento, il 21% utilizzando i social media e il 18% per cercare informazioni.

Leggi il report completo: Shaping the fure implications of digital media for society

Continua a leggere
ddl riforma costituzione Lavoro

Riforme: lavoro allo Stato

senatoLe politiche attive del lavoro devono ritornare alla competenza primaria dello Stato dopo il conclamato fallimento delle Regioni, con poche eccezioni. Queste ultime potrebbero chiedere di riavere i relativi poteri determinando una utile geometria variabile. Mi auguro che il Senato non regredisca quindi rispetto al testo della Camera e che le intese interne al Pd non riguardino anche la materia del lavoro.

Continua a leggere