Category : Bollettino ADAPT

Bollettino ADAPT disoccupazione

La disoccupazione giovanile e il business dei curricula degli studenti: tre domande al Ministro Poletti

Pubblichiamo a seguire l’intervento di Michele Tiraboschi, Coordinatore scientifico ADAPT, pubblicato sul Bollettino Adapt.

Registriamo, da anni, l’attenzione e un formale impegno della politica verso le prospettive occupazionali dei nostri giovani. Negli anni della grande crisi non è passata riforma – dalla legge Fornero sulle pensioni al più recente Jobs Act – che non fosse adottata in nome dei giovani e del loro futuro. L’impressione, tuttavia, è che dietro alle tante parole e alle buone intenzioni vi sia ben poco di concreto. Non ci interessa indagare la buona o cattiva fede dietro alle promesse elettorali e ai troppi annunci disattesi. Non è nostro compito farlo.

Continua a leggere
Bollettino ADAPT Commissione UE Salute e sicurezza

Salute e sicurezza sul lavoro nel XXI secolo: il nuovo piano d’azione della Commissione europea

da Bollettino Adapt – di Giusy Tommasello

La “Grande Trasformazione del lavoro” è ormai una realtà che coinvolge i più svariati aspetti del mercato e del rapporto di lavoro (per un approfondimento sul tema, v. E. Dagnino, F. Nespoli, F. Seghezzi (a cura di), La nuova grande trasformazione del lavoro. Lavoro futuro: analisi e proposte dei ricercatori ADAPT, ADAPT Labour Studies, e-Book series, n. 62). Cambiamenti demografici, mutamenti socio-economici, avvento della sharing/gig/on-demand economy sono solo alcuni dei fattori che hanno recentemente determinato una vera e propria rivoluzione nel mondo del lavoro, conferendogli nuova veste. Tuttavia, se, da un lato, si tratta di un terreno in fase di esplorazione, dall’altro, quello della trasformazione del lavoro è un fenomeno che necessita di essere, adeguatamente e tempestivamente, regolato, soprattutto se l’obiettivo è quello di rispondere efficacemente alle sfide legate al cambiamento.

Continua a leggere
Bollettino ADAPT Contratto nazionale Relazioni Industriali

Metalmeccanici, un’intesa che apre la strada alla quarta rivoluzione industriale

Tratto da Bollettino ADAPT

Se il piano Calenda è stato un primo tassello istituzionale e di sistema nella lunga marcia verso l’Industria 4.0, il contratto nazionale del settore metalmeccanico firmato oggi è un deciso passo concreto nella sua implementazione. Non che il rinnovo affronti in maniera diretta e specifica il tema della nuova manifattura digitale. Tuttavia la positiva chiusura della contesa sul contratto, e cioè del quadro economico e normativo di riferimento per fare impresa nella meccanica, consentirà ora alle parti sociali di concentrare i propri sforzi sulla attuazione del piano nazionale per Industria 4.0 forti di una intesa unitaria dopo ben otto anni di contratto separato.

Continua a leggere
AMB Consiglia Bollettino ADAPT Selezione Web

Labour & Law Issues: una nuova rivista per leggere la Grande Trasformazione del Lavoro

Da Bollettino ADAPT

imageLa digitalizzazione sta rivoluzionando molteplici ambiti della nostra vita, comprese l’organizzazione e le modalità di svolgimento del lavoro, nonché l’identità e il significato del lavoro stesso. Anche il diritto del lavoro viene investito da questa forza dirompente e deve confrontarsi con essa, sebbene manchi ancora una chiara identificazione del fenomeno e dei nodi giuslavoristici ad esso connessi. Labour & Law Issues si segnala, nel panorama delle riviste scientifiche italiane, proprio per l’ambizione di analizzare e rivisitare alcune categorie fondative del diritto del lavoro che ancora possono essere utili per leggere la grande trasformazione in atto.

Continua a leggere
Bollettino ADAPT Industria 4.0

Industria 4.0: una politica per l’empowerment delle imprese. Il caso dei Paesi Bassi

digitalizzazione“In tutte le economie avanzate decisori politici e istituzioni si interrogano su come accompagnare la c.d. Quarta rivoluzione industriale. Un ruolo importante è giocato, allo stato, da alcuni gruppi di consulenza globali che, tuttavia, sembrano offrire a tutti i Paesi lo stesso pacchetto di misure senza tenere conto delle peculiarità di ogni Paese: cultura, sistema educativo, tipologia di imprese, specializzazioni produttive, risorse. Più interessante, a nostro avviso, è la costruzione di piani di azione realistici, perché messi a punto in funzione di una visione coerente alla tradizione e alle potenzialità evolutive di ciascun contesto nazionale rispetto alle dinamiche della competizione internazionale. In questa prospettiva di analisi spicca, indubbiamente, il caso dei Paesi Bassi che pare aver tracciato una strada di particolare innovazione e interesse nelle politiche industriali che, dalla vecchia logica dirigista e meccanicistica dello Stato Nazione, sembrano ora passare a una più efficiente filosofia di empowerment delle imprese che accettano la sfida della innovazione e del cambiamento”.

Leggi l’articolo di Elena Prodi su Bollettino ADAPT

Continua a leggere
Bollettino ADAPT

Foodora, giovani e nuovi lavori. Quali sfide per il sindacato?

di Francesco Seghezzi, pubblicato su Bollettino Adapt

Dopo ormai diversi anni in cui negli Usa e in molti paesi europei si discute delle conseguenze della cosiddetta on demand economy anche in Italia sembra essersi acceso in dibattito. Nei giorni scorsi infatti alcuni dei ragazzi che eseguono consegne in bicicletta per Foodora hanno organizzato una protesta contro la compagnia tedesca, figlia di quella Rocket Internet che tra gli altri possiede Zalando e il servizio di pulizie on demand Helpling. La scomparsa del salario orario fisso e il passaggio ad una retribuzione a cottimo ha fatto insorgere le decine di giovani torinesi che si pagano gli studi o arrotondano le loro entrate sfrecciando in bicicletta. Da subito si è parlato dei danni della sharing economy, quando in realtà il fenomeno nulla ha a che fare con la condivisione di servizi o di beni, pensiamo ad esempio a Blablacar o Airbnb.

Continua a leggere
Bollettino ADAPT Industry 4.0

Piano Industria 4.0: strada da tempo tracciata in Europa

digitalizzazioneIl piano Industria 4.0 prevede incentivi fiscali orizzontali per 13 miliardi, che non ricadranno tutti sulla legge di bilancio 2017. Lo ha spiegato il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, presentandolo a Milano (scarica qui la presentazione). Secondo il Bollettino Speciale di Adapt, l’Associazione per gli studi internazionali e comparati sul diritto del lavoro e sulle relazioni industriali, il piano “rappresenta la strada da tempo tracciata in Europa dove gli incentivi fiscali costituiscono il canale privilegiato per la promozione della innovazione e della competitività delle imprese”. “Non parliamo peraltro -continua Adapt- di una novità assoluta per il nostro ordinamento. La stessa formulazione del credito di imposta per la ricerca contenuta nella legge di stabilità per il 2015 già avvicinava il nostro Paese alle migliori esperienze europee, come la Francia e l’Olanda identificate come ‘migliori pratiche’ da un denso studio condotto per conto della Commissione europea”.

Continua a leggere
Bollettino ADAPT Certificazione competenze

Certificazione delle competenze: spunti per una ricerca e per l’innovazione dell’azione sindacale

di Federico D’Addio da Bollettino Adapt

L’importanza della “conoscenza” nell’attuale contesto socio-economico e produttivo è stata sottolineata, già da diversi anni, da una vasta letteratura non solo di discipline economiche ma anche sociali. Al riguardo, è interessante rilevare che tale tema ha rappresentato, rappresenta e rappresenterà sempre di più in futuro un terreno fertile per la condivisione di fini e (auspicabilmente) contenuti e soluzioni da parte di tutti gli attori coinvolti, in primis imprese e sindacati. Diversi sindacalisti hanno da tempo posto la loro attenzione sul ruolo che la conoscenza può giocare nella c.d. società post-moderna.

Continua a leggere
Bollettino ADAPT digitale Selezione Web

Creare le competenze del futuro: una spinta dalla “New Skills Agenda”?

da Bollettino Adapt – Guido Dalponte

Industry_4La rivoluzione tecnologica in atto e le sue dirette conseguenze, come Industry 4.0, green economy, smart working, sharing economy, non sembrano essere seguite con la dovuta attenzione dagli istituti formativi, i quali non stanno rispondendo adeguatamente alla crescente domanda di lavoratori altamente qualificati, agili, adattabili e creativi, fondamentali per alimentare lo sviluppo economico e l’innovazione. Questo perché manca un dialogo serio e concreto tra tutti gli attori del mercato del lavoro.

Continua a leggere
Bollettino ADAPT Industry 4.0 Selezionato dal web

Manutentori 4.0: non solo nuove tecnologie ma anche nuovi modi di lavorare

A cura di Tomaso Tiraboschi, ADAPT Senior Research Fellow
Articolo pubblicato su bollettinoadapt.it

Industry_4Il 6 aprile scorso si è tenuto presso l’Università di Bergamo il convegno “Innovare la manutenzione nell’era dell’Industria 4.0: opportunità, criticità e soluzione“, promosso da Politecnico di Milano e School of Management dell’Università di Bergamo, con il patrocinio di diversi enti tra cui ADAPT, presso l’Aula magna dell’Università di Bergamo nella la ex chiesa di sant’Agostino del XI secolo, ora ristrutturata. Il luogo medesimo del convegno ha così fornito ad una platea gremita di studenti, ingegneri e tecnici manutentori la testimonianza di come può essere conservato un luogo di quasi mille anni e pertanto quanto la manutenzione possa avere un valore inestimabile nel tempo.

Continua a leggere
1 4 5 6