Author Archives: Redazione

Lavoro 4.0 Senato

Senato, Lavoro 4.0: l’audizione dell’INAPP

Continuano le audizioni in Senato sull’affare assegnato concernente l’Impatto sul mercato del lavoro della quarta rivoluzione industriale (n. 974).  Nella seduta di ieri sono stati ascoltati i rappresentanti dell’Istituto Nazionale per l’Analisi delle Politiche Pubbliche (INAPP).

Potete consultare le memorie depositate ai link a seguire.

 

Continua a leggere
Economia Eventi AMB Fisco

AMB presenta il rapporto “Quale politica di bilancio per lo sviluppo”

 “La fase di sperimentazione prevista dall’articolo 16 del Trattato sul fiscal compact è stata tutt’altro che un successo”. Ad affermarlo è Gianfranco Polillo, economista, ex segretario al ministero dell’Economia e delle Finanze e autore del Rapporto dalla Associazione Amici di Marco Biagi “Quale politica di bilancio per lo sviluppo”. “Su 19 Paesi, solo l’Irlanda è riuscita a ridurre il debito secondo le regole previste. Per fortuna 7 piccoli Paesi – con una popolazione complessiva di 30 milioni – avevano un rapporto debito/Pil inferiore al 60 per cento. Quindi erano esenti. Ma la stragrande maggioranza degli altri Paesi (ben 11) – compresa la Germania – secondo le previsioni della stessa Commissione europea non è riuscita a raggiungere il traguardo previsto. Lo stesso rapporto debito/Pil dell’intera Eurozona, seppure in leggera diminuzione rispetto alle regole previste, presenta un ritardo di oltre 17 punti, rispetto al valore di riferimento.

Continua a leggere
Economia Eventi AMB

Amici di Marco Biagi presenta il Rapporto “Quale politica di bilancio per lo sviluppo”

 
L’Associazione Amici di Marco Biagi ha il piacere di invitarvi alla presentazione del Rapporto “Quale politica di bilancio per lo sviluppo”
redatto per l’Associazione Amici di Marco Biagi da Gianfranco Polillo e Giovanni Tria.

 Mercoledì 19 luglio alle ore 12

presso la Sala dei caduti di Nassirya,
Senato della Repubblica

(Ingresso da Piazza Madama)

Il rapporto analizza la gestione della finanza pubblica realizzata nel corso della presente legislatura deducendone i cambiamenti necessari per accelerare la crescita dell’economia italiana nel prossimo futuro.

Intervengono:

Maurizio Sacconi, Presidente dell’Associazione Amici di Marco Biagi;

Gianfranco Polillo, economista e già Sottosegretario al Ministero dell’Economia e delle Finanze;

Giovanni Tria, Preside della facoltà di Economia di Roma Tor Vergata; 

Stefano Parisi, Segretario di “Energie per l’Italia”.

Per accreditarsi all’evento mandate una mail a:
amicimarcobiagi@gmail.com
(Agli uomini è richiesto di indossare giacca e cravatta)

Continua a leggere
Occupazione OCSE

Ocse, lavoro: Italia a minimi per occupati

L’Italia è agli ultimi posti nella classifica Ocse sul mercato del lavoro. Secondo i dati che mettono a confronto i Paesi dell’organizzazione, la percentuale di occupati nel primo trimestre del 2017 in Italia era pari al 57,7% della popolazione in età lavorativa contro una media Ocse del 67,4%, del G7 pari al 70,3% e dell’Ue del 67,2%. Percentuali inferiori a quelle italiane si sono registrate nel periodo solo in Grecia 52,7% e in Turchia del 50,9%, mentre meglio fanno Paesi come la Spagna, l’Irlanda o il Cile.  La situazione è simile per l’occupazione femminile. Contro una media Ocse del 59,7%, l’Italia si ferma al 48,5% poco sopra il Messico (45,3%) e la Grecia (44,1%). La Turchia è in questo caso distaccata con il 31,7% di donne occupate. 

Continua a leggere
contrattazione II livello Ministero del Lavoro

Ministero del Lavoro: attivi oltre 11.500 contratti II livello

Sono oltre 11.539 i contratti di secondo livello attivi, di cui 9.486 aziendali e 2.053 territoriali. A riferirlo è il ministero del Lavoro che in una nota. A seguito della pubblicazione del decreto interministeriale 25 marzo 2016, relativo alla detassazione dei premi di produttività, il dicastero ha reso disponibile la procedura per il deposito telematico dei contratti aziendali e territoriali. Dopo 60 giorni, termine transitorio per l’invio dei modelli riferiti a contratti sottoscritti nel 2015, a partire dal 15 luglio 2016 il sistema è entrato a pieno regime. Al 14 luglio scorso sono state compilate 24.091 dichiarazioni di conformità (moduli), redatte secondo l’articolo 5 del dm 25 marzo 2016. Degli 11.539 contratti attivi (il periodo di validità indicato nel modello comprende il 2017), 9.072 si propongono di raggiungere obiettivi di produttività, 6.581 di redditività, 5.559 di qualità mentre 1.588 prevedono un piano di partecipazione e 3.414 prevedono misure di welfare aziendale.

Continua a leggere
Inflazione Istat

Inflazione: Istat conferma -0,1% a giugno, +1,2% su anno

Nel mese di giugno 2017 l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, diminuisce dello 0,1% su base mensile e aumenta dell’1,2% rispetto a giugno 2016 (da +1,4% di maggio), confermando la stima preliminare. Il rallentamento dell’inflazione per il secondo mese consecutivo si deve principalmente alle componenti merceologiche i cui prezzi presentano maggiore volatilità: Alimentari non lavorati e Energetici non regolamentati, che decelerano rispetto al mese precedente (rispettivamente +1,4% da +3,8% i primi e +2,9% da +6,8% i secondi). A mitigare questo rallentamento i prezzi dei Servizi relativi ai trasporti, che accelerano di nuovo (+4,1% da +3,2% di maggio).

Continua a leggere
equo compenso Lavoro 4.0 Professioni

Lavoro 4.0 ed equo compenso: le audizioni del Comitato Unitario Professioni (CUP)

In Commissione Lavoro del Senato sono proseguite le audizioni sull’affare assegnato concernente l’Impatto sul mercato del lavoro della quarta rivoluzione industriale (n. 974) e sono state avviate quelle sul disegno di legge n. 2858 (equo compenso).  Nella seduta di ieri è stata ascoltata la Presidente del Comitato unitario permanente degli ordini e collegi professionali, Marina Calderone, assieme ad altri rappresentanti dei professionisti.

Trovate le memorie depositate a seguire.

 

Continua a leggere
Alle Sei - Speciale Pensioni

Ve lo dico alle sei/ Pensioni, Damiano – Sacconi: basta innalzamento età, appello per bloccare modifica

Un appello a tutti i parlamentari e al governo contro l’innalzamento automatico dell’età pensionabile che, a partire dal primo gennaio 2018, porterebbe l’asticella a 66 anni e 7 mesi, con un innalzamento graduale negli anni che fisserà l’età della pensione a 70 anni (precisamente 69 anni e 9 mesi) nel 2051. A lanciarlo quella che si autodefinisce “una strana coppia”: i presidenti della commissioni di Camera e Senato Cesare Damiano (Pd) e Maurizio Sacconi (Ap). Durante una conferenza stampa a Montecitorio, i due esponenti di maggioranza spiegano il motivo dell’urgenza della modifica di legge con un rinvio strutturale. Sacconi sottolinea: “La manovra Fornero non ha di fatto previsto una vera transizione per cui persone già prossime all’età di pensione all’atto della sua approvazione hanno subito l’allungamento dell’età lavorativa fino a sei anni. Occorre tornare a una logica di umanità, una logica troppo tecnocratica ci ha portato oltre. Quando è troppo è troppo. La legge Fornero ebbe un grande limite: la mancanza di transizione che umanizza la riforma previdenziale. Con il collega abbiamo ritenuto che si stesse producendo una vera condizione emergenziale e pensato che fosse giunto il momento di porci come ‘strana coppia’ per rivolgere un appello ai colleghi del parlamento e al governo affinche’ si assumano alcune decisioni urgenti”.

Continua a leggere
Inps

Lavoro: al via libretto famiglia e contratto di prestazione occasionale

Da oggi si parte con il ‘Libretto famiglia’ e il ‘Contratto di prestazione occasionale’ (per le imprese fino a 5 dipendenti, i professionisti e la Pa). Per utilizzarli sarà necessario che sia i datori di lavoro sia i lavoratori si registrino sulla piattaforma dell’Inps, direttamente o tramite il contact center e che si alimenti un conto, dal quale l’Istituto effettuerà il pagamento. Nei casi di imprese vengono fissati un minimo salariale (9 euro) ed un compenso minimo giornaliero (36 euro). I pagamenti, in entrambi i contratti, saranno mensili e avverranno ogni 15 del mese. Si potrà utilizzare il ‘Libretto famiglia’ per lavori domestici, di giardinaggio, di pulizia o manutenzione, di assistenza domiciliare a bambini e persone anziane, ammalate o con disabilità, di insegnamento privato supplementare. Il ‘Contratto di prestazione occasionale’ potrà essere utilizzato da professionisti, lavoratori autonomi, imprenditori, associazioni, fondazioni ed altri enti di natura privata, imprese del settore agricolo e pubbliche amministrazioni.

Ecco le novità, in base alla circolare e alle procedure illustrate dall’INPS.

 

Continua a leggere
Inail Relazione annuale

INAIL, Relazione annuale: nel 2016 in calo infortuni mortali sul lavoro

Il Presidente dell’ Istituto nazionale per l’assicurazione da infortuni sul lavoro (INAIL), Massimo De Felice, ha illustrato il 5 luglio, nella Sala della Lupa di Palazzo Montecitorio, la relazione annuale sull’attività svolta nel 2016.  Sono state poco meno di 642mila le denunce di infortunio registrate nel 2016: il dato non registra uno scostamento significativo rispetto al 2015 (+0,66%), mentre – se riferito al 2012 – la flessione è di circa il 14%. Gli infortuni riconosciuti sul lavoro sono poco più di 419mila, di cui circa il 19% “fuori dell’azienda” (cioè “con mezzo di trasporto” o “in itinere”). Il dato “fuori azienda” è rilevante per la valutazione accurata delle politiche e delle azioni di prevenzione. Delle 1.104 denunce di infortunio con esito mortale (erano 1.286 nel 2015, 1.364 nel 2012) gli infortuni accertati “sul lavoro” sono 618 (di cui 332, pari al 54%, “fuori dell’azienda”): anche se i 34 casi ancora in istruttoria fossero tutti riconosciuti “sul lavoro” si avrebbe una diminuzione del 12,7% rispetto al 2015 e di circa il 25% rispetto al 2012.

La Relazione annuale INAIL

Continua a leggere
Lavoro 4.0 Senato

Lavoro 4.0: le audizioni di Confprofessioni e di Assolavoro

Continuano le audizioni in Senato sull’affare assegnato concernente l’Impatto sul mercato del lavoro della quarta rivoluzione industriale (n. 974).  Nella seduta di ieri sono stati ascoltati i rappresentanti della Confprofessioni e di Assolavoro.

Potete consultare le memorie depositate ai link a seguire.

Memorie Confprofessioni

Memorie Assolavoro (1)

Memorie Assolavoro (2)

 

Continua a leggere
1 2 3 169