Author Archives: Redazione

Industria 4.0 Senato

Lavoro 4.0: continuano le audizioni al Senato

Continua il ciclo di audizioni sull’affare assegnato sull’Impatto sul mercato del lavoro della quarta rivoluzione industriale (n. 974). Tra io soggetti auditi, questa mattina sono stati sentiti i rappresentanti di Confagricoltura. Nella seduta di ieri pomeriggio, invece, sono stati ascoltati i rappresentanti di CIDA, CUB, Confindustria e R.Ete Imprese Italia. Potete consultare le memorie che hanno depositato in Commissione Lavoro del Senato a seguire.

Memorie CIDA

Memorie CUB

Memorie Confindustria

Memorie R.Ete. Imprese Italia

Memorie di Confagricoltura

Continua a leggere
Eurostat Mercato del lavoro

Lavoro: Eurostat 3,2 mln disponibili ma non cercano,a top Ue

In Italia nel 2016 ci sono state oltre 3,2 milioni di persone tra i 15 e i 74 anni che si sono dichiarate disponibili a lavorare ma non hanno fatto alcuna azione attiva di ricerca di un impiego, oltre un terzo degli 8,8 milioni complessivi in Europa. E’ quanto emerge dalle tabelle Eurostat sulle “Forze lavoro potenziali”, secondo le quali l’Italia registra un calo rispetto al 2015, ma resta saldamente in testa alla graduatoria degli sfiduciati. Se si guarda al totale delle forze complementari (compreso chi cerca lavoro ma non è subito disponibile), l’Italia registra nel complesso 3,34 milioni di persone alla finestra con un tasso del 13% (il 14% nel 2015) della forza lavoro (4,5% media Ue). In Europa nel 2016 – scrive Eurostat – c’erano 224 milioni di persone occupate e 21 milioni di disoccupati. Nell’anno, inoltre, c’erano anche almeno 11,1 milioni di persone tra i 15 e i 74 anni “economicamente inattive”, ma con una relazione con il mercato del lavoro per cui si potrebbero considerare forza lavoro potenziale. Si tratta del 4,5% della forza lavoro europea.

Continua a leggere
Politecnico Milano Smart working

Smart working: avanza fenomeno del nomadismo professionale

Oggi sono oltre 250 mila i ‘lavoratori agili’ in Italia, ossia coloro che godono di discrezionalità nella definizione delle modalità d’impiego in termini di luoghi, orari e strumenti utilizzati per svolgere al meglio le proprie mansioni. E sono pari al 7% di tutti gli impiegati, quadri e dirigenti. Lo rileva l’Osservatorio sullo ‘smart working’ del Politecnico di Milano, in uno studio curato da Doxa e presentato in occasione della Settimana del Lavoro Agile promossa dal Comune di Milano. Una tendenza, quella evidenziata dalla ricerca, destinata a rivoluzionare la vita professionale (e non solo) di tutti. “Si tratta di persone assunte all’interno di aziende perlopiù medio-grandi e grandi, dislocate prevalentemente nel Nord Italia, in quasi 7 casi su 10 sono uomini (a sorpresa!) e hanno un’età media di 41 anni’ specifica Vilma Scarpino, amministratore delegato di Doxa. Fare lavoro agile significa rimettere in discussione stereotipi relativi a luoghi, orari e strumenti di lavoro consentendo alle persone di raggiungere una maggiore efficacia professionale e un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata.

Continua a leggere
Anmil Salute e sicurezza

ANMIL: il primo rapporto su salute e sicurezza sul lavoro

Per contribuire a promuovere la prevenzione degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali l’ANMIL ha realizzato il 1° Rapporto sulla Salute e Sicurezza sul Lavoro, che trovate pubblicato a seguire. Un gruppo di esperti si è dedicato allo studio dei principali interventi del legislatore, della giurisprudenza, della prassi amministrativa e del mondo della ricerca in materia di salvaguardia della salute dei lavoratori e della loro sicurezza in ambito lavorativo che hanno caratterizzato in modo significativo l’anno precedente e la metà dell’anno in corso, con particolare attenzione alla attuazione del Testo Unico di Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro (d.lgs. n. 81/2008). Nel tempo sono state elaborate proposte normative e di integrazione dei testi di legge in materia ed è stato instaurato un costruttivo dialogo istituzionale e tecnico-politico, che ha visto ANMIL intervenire più volte presso la Commissione Parlamentare di Inchiesta sugli infortuni sul lavoro e le malattie professionali e presso le Commissioni Lavoro del Senato e della Camera.

Leggi l’executive summary del rapporto

Continua a leggere
Bilancio Commissione UE

Conti pubblici: quattro raccomandazioni della Commissione UE all’Italia

Una volta valutati i piani dei governi dell’UE, la Commissione presenta a ciascun paese una serie di raccomandazioni specifiche, unitamente ad una comunicazione complessiva. Le raccomandazioni sono incentrate su ciò che può essere realisticamente conseguito nei successivi 12-18 mesi. La prima raccomandazione all’Italia riguarda la politica di bilancio: la Commissione indica che deve “essere proseguita in linea con i requisiti del patto di stabilita’ in modo che ci siano sforzi sostanziali per il 2018”. L’Italia dovrà considerare la necessità di raggiungere un profilo di politica di bilancio che contribuisca sia rafforzare la ripresa che assicurare la sostenibilità delle finanze pubbliche. Leggi le raccomandazioni della Commissione

Continua a leggere
Economia Italiana Istat

Istat, nei servizi il 96,4% dei nuovi posti di lavoro

Secondo gli ultimi dati pubblicati dall’ISTAT, il miglioramento dei livelli occupazionali dovrebbe proseguire nel 2017 (+0,7% in termini di unità di lavoro) ma in decelerazione rispetto agli anni precedenti. La riduzione della disoccupazione osservata negli ultimi anni proseguirebbe anche nel 2017, con un tasso previsto pari all’11,5%. L’espansione dell’occupazione in Italia ha interessato i servizi in oltre nove casi su dieci, a partire da quelli di alloggio e ristorazione, di trasporto e magazzinaggio e dei servizi alle imprese. E’ quanto emerge dal report dell’Istat sulle previsioni per l’economia italiana. L’aumento nel terziario ha costituito infatti il 96,4% dell’incremento totale netto degli occupati nello scorso anno, una quota superiore di oltre dieci punti a quella dell’area euro (83,3%). Al contrario gli occupati con titolo di studio terziario sono aumentati a un ritmo di crescita inferiore rispetto alla media dell’eurozona (il 2,4% contro il 3,3%). E il miglioramento dell’occupazione ha interessato anche la categoria con un titolo di studio primario (+0,6%), a fronte di una stabilità registrata mediamente nell’area dell’euro.

Continua a leggere
disoccupazione giovanile Era digitale

Affrontare la disoccupazione giovanile: educazione, capacità e opportunità nell’era digitale

“Alternative costruttive in una fase di sconvolgimenti globali. Occupazione e dignità dell’individuo nell’era digitale. Incentivi alla solidarietà e alla virtù civica” è il titolo della conferenza internazionale, promossa dalla Fondazione Centesimus Annus e che si è aperta ieri mattina al Vaticano. Pubblichiamo il contributo del Gruppo Milano che offre alcuni spunti di riflessione sui fenomeni della nuova società tecnologica e digitale che avanza rapidamente ed evidenziarne alcune opportunità utili per affrontare un nuovo sviluppo umano integrale anche in questa nuova era, ricca di rischi ed aspetti problematici.

Leggi qui il contributo

 

Continua a leggere
Ammortizzatori sociali Inps

Inps: crollo richiesta cassa integrazione ad aprile

Secondo l’Osservatorio INPS, il numero di ore di cassa integrazione complessivamente autorizzate ad aprile 2017 è di 23,9 milioni. Si registra una contrazione del 58,1% rispetto alle ore autorizzare ad aprile 2017 (57 milioni). In dettaglio, le ore autorizzate per gli interventi di Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria (CIGO) sono 7,4 milioni, in diminuzione del 50,3% rispetto ad aprile 2016 (15 milioni); Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria ( CIGS) sono 14,5 milioni, in diminuzione del 62,7% rispetto ad aprile 2016 (38,8 milioni); Cassa Integrazione Guadagni in Deroga (CIGD) sono 2 milioni, in diminuzione del 38,2% rispetto ad aprile 2016 (3,2 milioni). Le domande presentate per eventi di disoccupazione a marzo 2017 sono 111.334, registrando un aumento del 12% rispetto a marzo 2016 (99.435). In dettaglio: 109.823 domande di NASpI, 1.139 domande di mobilità, 353 domande di disoccupazione, 15 domande di ASpl, 4 domande di mini ASpl. In appendice  all’Osservatorio sulla Cassa Integrazione Guadagni (CIG) è pubblicato l’aggiornamento del tasso di utilizzo del numero delle ore di CIG autorizzate (cosiddetto “tiraggio”).

Continua a leggere
Lavoro 4.0 Senato

Lavoro 4.0: è in corso un ciclo di audizioni in Commissione lavoro

E’ stato avviato un ciclo di audizioni sull’affare assegnato sull’Impatto sul mercato del lavoro della quarta rivoluzione industriale (n. 974). Tra io soggetti auditi, la scorsa settimana sono stati sentiti i rappresentanti di ADAPT. Potete consultare la memoria che hanno depositato in Commissione Lavoro del Senato a seguire.

Leggi la memoria di ADAPT

Continua a leggere
Istat rapporto 2017

Istat, rapporto 2017: occupati aumentano, ma sotto livello 2008

Lo scorso anno è continuata in Italia la ripresa dell’occupazione, con 293mila occupati in più, livello che resta comunque inferiore di 333mila unità a quello del 2008. A differenza di quanto accade nella media europea dove il numero degli occupati ha superato per la prima volta i livelli pre-crisi. In ogni caso i ricercatori Istat che hanno elaborato il Rapporto 2017 spiegano che il mercato del lavoro sta “sovraperformando” rispetto alla dinamica del Pil, anche grazie agli incentivi e agli sgravi fiscali. Più in dettaglio, nel periodo della crisi sono diminuiti fortemente i posti di lavoro per professioni a qualifica intermedia, mentre sono aumentati molto (+23%) i posti di lavoro a bassa qualifica e part-time, soprattutto nei servizi.

Continua a leggere
Contratti Ministero del Lavoro

Ministero del lavoro: 21mila contratti per premi produttività

Sono oltre 21mila i contratti aziendali e territoriali depositati per usufruire della detassazione al 10% dei premi di produttività. Lo fa sapere il Ministero del Lavoro, aggiornando il numero alla data di ieri: nello specifico sono state compilate 21.667 dichiarazioni di conformità, di cui 11.621 si riferiscono a contratti sottoscritti nel 2015. Inoltre, dei 21.667 contratti depositati, 16.986 si propongono di raggiungere obiettivi di produttività, 12.530 di redditività, 9.602 di qualità. Passando alle misure previste dagli accordi depositati: 2.311 prevedono un piano di partecipazione e 4.853 prevedono misure di welfare aziendale.

Leggi la nota del Ministero

Continua a leggere
1 2 3 167