Author Archives: Redazione

AMB Consiglia pubblica amministrazione

REINVENTARE LO STATO – Presentazione del rapporto sulle PA in Italia

Vi aspettiamo il prossimo 2 ottobre alla presentazione del rapporto sulle PA in Italia “Reinventare lo Stato” con i Ministri Giulia Bongiorno e Giovanni Tria, il nostro Presidente dell’Associazione Maurizio Sacconi e gli autori del documento.

Continua a leggere
Anmil Sicurezza Lavoro

Sicurezza sul lavoro: presentato il secondo rapporto ANMIL


A Roma è stato presentato il secondo Rapporto Anmil sulla salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro. Il tasso di irregolarità delle aziende ispezionate nel 2017 è aumentato di quasi 3,5 punti e i decessi aumentano del 5%. «Anche dove le norme esistono, a mancare è l’effettività delle tutele. E allora non possiamo fare a meno di pensare che ci sia a monte un problema culturale», sottolinea il presidente nazionale Franco Bettoni. Al Parlamentino del Cnel, dove la presentazione si è tenuta, presenti anche due passati ministri del Lavoro, Cesare Damiano e Maurizio Sacconi, di cui trovate al link che segue la presentazione relativa allo stato di attuazione del d.lgs. 81/2008 tra adempimenti formali e strumenti sostanziali. 

Scarica la presentazione di Maurizio Sacconi

Continua a leggere
Bollettino ADAPT Occupazione

Occupati e disoccupati – Luglio 2018. 10 tweet di commento ai nuovi dati Istat

A seguire i tweet di commento di ADAPT sugli ultimi dati ISTAT relativi all’occupazione in Italia

 

Continua a leggere
Istat

Istat: disoccupazione cala al 10,4 per cento, -28mila occupati a luglio

Risultati immagini per IStatDopo il calo di giugno, la stima degli occupati a luglio 2018 registra ancora una lieve flessione (-0,1% su base mensile, pari a -28 mila unità). Il tasso di occupazione rimane stabile al 58,7%. La diminuzione congiunturale dell’occupazione è interamente determinata dalla componente femminile e si concentra tra le persone di 15-49 anni, mentre risultano in aumento gli occupati ultracinquantenni. Nell’ultimo mese si registra una flessione per i dipendenti permanenti (-44 mila), mentre crescono in misura contenuta i dipendenti a termine e gli indipendenti (entrambi +8 mila).

Continua a leggere
Inps Lavoro

Inps: 140mila contratti a tempo indeterminato nel primo semestre del 2018

Risultati immagini per inps

Nel periodo gennaio-giugno 2018, nel settore privato, si registra un saldo, tra assunzioni e cessazioni, pari a +891.000, inferiore a quello del corrispondente periodo del 2017 (+963.000). Il saldo annualizzato a giugno 2018 risulta positivo e pari a +392.000, in flessione rispetto a quello registrato a maggio (+453.000). I rapporti di lavoro creati grazie all’incentivo triennale per l’assunzione dei giovani under 35 nei primi sei mesi dell’anno sono stati 60.344: i contratti con questo incentivo sono stati il 6,96% dei 867.592 contratti di assunzione o trasformazione a tempo indeterminato fatti nel periodo. Lo ha comunicato oggi l’Inps diffondendo i dati dell’Osservatorio sul Precariato, sottolineando che per i contratti a tempo indeterminato la variazione netta è stata positiva per 140 mila unità.

Continua a leggere
Contratti collettivi Marchionne Selezione Stampa

Marchionne promuove Sacconi: l’art. 8 dà certezza non solo alla Fiat, ma a chi intende investire

Ripubblichiamo un articolo comparso sul numero 218 di Italia Oggi il 14 settembre 2011

Marchionne promuove SacconiCon una sortita tipica del personaggio (diretta, coraggiosa e senza perifrasi) Sergio Marchionne, in un colpo solo, elogia il governo e pone fine al silenzio dei grandi giornali (compresi pure quelli posseduti dalla Fiat), alla timidezza dei grandi industriali e alle perplessità dei sindacati (e la contrarietà della Cgil). «La mossa che è stata fatta adesso dal ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi, con l’articolo 8 – ha detto ieri l’amministratore delegato della Fiat a Francoforte nel corso del Salone dell’auto – è importantissima e comincerà a dare non solo alla Fiat, ma a tutti quelli che vogliono investire in Italia, la certezza necessaria». «La manovra di Sacconi – ha riconosciuto Marchionne – ha risolto tantissimi problemi», a partire dagli accordi già firmati a Mirafiori e Pomigliano e quelli in fieri a Melfi e Cassino. In altri termini, la norma del governo dà una cornice normativa entro cui le intese negli stabilimenti Fiat per il piano Fabbrica Italia rientrano a pieno titolo nel sistema di relazioni industriali e del lavoro. «Abbiamo la certezza di poter gestire, che era la cosa importante per noi. Quello che serviva ci è stato dato, non solo a noi ma anche a tutti gli altri industriali. Cerchiamo di non trovare il pelo nell’uovo», ha aggiunto a proposito delle critiche dei sindacati. «Il provvedimento – ha concluso Marchionne – è di una chiarezza assoluta: se la maggioranza dei lavoratori è d’accordo con una proposta questa va avanti, così riusciamo a gestire qualcosa. È una cosa assolutamente civile». La sortita riguarda l’articolo 8 della manovra anticrisi che dà rilievo legislativo alla contrattazione di secondo livello. Si prevede, in altri termini, la possibilità di contratti di prossimità, quindi aziendali o territoriali, che sono in grado di cambiare il sistema delle regole del lavoro. Infatti la nuova normativa stabilisce che i contratti collettivi nazionali possono essere derogati da «contratti collettivi di lavoro sottoscritti a livello aziendale o territoriale da associazioni dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale o territoriale ovvero dalle loro rappresentanze sindacali operanti in azienda ai sensi della normativa di legge e degli accordi interconfederali vigenti compreso l’accordo interconfederale del 28 giugno 2011». 

Continua a leggere
Formiche

Vi racconto l’anticonformista Marchionne (a cui Di Maio dovrebbe ispirarsi). Parla Maurizio Sacconi

Vi racconto l’anticonformista Marchionne (a cui Di Maio dovrebbe ispirarsi). Parla Maurizio Sacconi

Conversazione con Maurizio Sacconi, ministro del Lavoro all’epoca degli accordi di Pomigliano e Mirafiori, quando la Fiat di Marchionne propose un nuovo contratto per il rilancio degli stabilimenti, svincolandosi da Confindustria e proponendo i referendum in fabbrica

Un personaggio anticonformista che ha rivoluzionato le relazioni industriali, che non cercava lo scontro ma lo accettava e da lì partiva per arrivare a soluzioni più coerenti con i tempi in cui operava. Il ritratto di Sergio Marchionne che si evince dalle parole di Maurizio Sacconi è quello di un uomo, un manager, capace di leggere il proprio tempo e di andare oltre, verso il futuro. Sacconi era ministro del Lavoro all’epoca degli accordi di Pomigliano e Mirafiori, quando la Fiat di Marchionne propose un nuovo contratto per il rilancio degli stabilimenti, svincolandosi da Confindustria e proponendo i referendum in fabbrica.

Ecco, allora, il ricordo di Maurizio Sacconi in una conversazione con Formiche.net (A cura di Giacomo Pugliese)

Continua a leggere
pubblica amministrazione rapporto

Amici di Marco Biagi presenta un rapporto sulle PA in Italia

L’Associazione Amici di Marco Biagi, in collaborazione con Forum PA, ha elaborato, in occasione di un nuovo Governo e una nuova Legislatura, un “Rapporto sulle Pubbliche Amministrazioni in Italia”.

A nostro parere un Rapporto sulle Pubbliche Amministrazioni in Italia può essere interessante per più ragioni. Da un lato, sembrano avere esaurito ogni speranza di efficacia i tentativi realizzati in base a un approccio tutto legislativo e quindi “per regole”. Dall’altro, il salto tecnologico è così pervasivo, profondo e veloce da consigliare un approccio “industriale” e quindi il concreto ridisegno del perimetro della amministrazione diretta e una reingegnerizzazione non solo dei procedimenti, ma delle stesse grandi funzioni pubbliche. Impegni europei per la contabilità economica-patrimoniale analitica per centri di costo, così come il criterio di sussidiarietà potranno essere alleati di un profondo ripensamento verso uno Stato più leggero ed efficace. L’associazione Amici di Marco Biagi ha sempre cercato di operare sollecitando “regole semplici della libertà responsabile” e modelli organizzativi pubblici coerenti con l’evoluzione della scienza aziendale.

 

Continua a leggere
Adapt AMB Consiglia Eventi Eventi AMB

Decreto Dignità: impatto su contratti, rappresentanza, relazioni industriali

Vi segnaliamo il seguente evento organizzato dalla nostra associazione con ADAPT a Roma il prossimo 18 luglio:

Continua a leggere
Bollettino ADAPT Decreto dignità

Il mio canto libero/ Decreto “dignità”: cambiare si può

Da Bollettino ADAPT

Le molte reazioni critiche e le poche, per lo più formali, condivisioni del decreto “dignità” sono state utili a disegnare il cambiamento climatico nella società italiana a proposito del lavoro. Molta acqua è evidentemente passata sotto i ponti rispetto al tempo in cui la polemica sulle norme portatrici della flessibilità contrattuale era così aspra da offrire involontariamente il contesto all’omicidio di Marco Biagi. Al di là delle diverse e mutevoli posizioni sulle cose da fare, possiamo oggi riconoscere come sia largamente superata la tradizionale fiducia nella capacità taumaturgica del formalismo giuridico. Ed è stato proprio questo l’errore passatista del nuovo governo. Non si è qualificato come un governo nuovo nel momento in cui ha ritenuto di assorbire l’insicurezza nel nuovo mercato del lavoro, caratterizzato da continue transizioni professionali, attraverso la vecchia cassetta degli attrezzi. Non tutto il male viene tuttavia per nuocere. 

Continua a leggere
1 2 3 199