Author Archives: Redazione

Alle Sei

Ve lo dico alle sei/ Manovra: governo contrario a emendamenti scioperi

Come era prevedibile il governo e la maggioranza hanno bocciato per ragioni di merito gli emendamenti sull’obbligo di comunicazione anticipata della adesione individuale e della revoca collettiva dello sciopero nei trasporti così da proteggere gli utenti dall’effetto annuncio. Gli emendamenti erano stati giudicati ammissibili e avrebbero alimentato le entrate tariffarie delle aziende di trasporto. Si conferma così la indisponibilità del governo a mettere ordine negli scioperi poco rappresentativi nonostante le dichiarazioni del ministro Delrio e dello stesso presidente Renzi. Così come il governo non protegge le grandi aziende della logistica distributiva dalle azioni illegali di minoranze sindacali. La sinistra, alla prova dei fatti, non è mai in grado di garantire ordine e sicurezza.

Continua a leggere
Senza categoria

Equo compenso: gli emendamenti e l’ordine del giorno presentati alla Camera

Le nuove regole sull’equo compenso per i professionisti, precedentemente pensate ed introdotte soltanto per gli avvocati, vengono ora ufficialmente estese a tutti, dopo l’approvazione definitiva del DL fiscale 148/2017 al Senato, ora all’esame della Camera per l’ultimo passaggio. La previsione del decreto fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2018 (art. 19-quaterdecies) estende inoltre le norme sull’equo compenso anche alle prestazioni rese nei confronti della Pubblica Amministrazione, stabilendo di fatto il divieto di predisporre bandi di gara con compensi minimi e fuori dai parametri. Non è che l’inizio di un percorso soprattutto per quanto riguarda atti applicativi e interpretativi che saranno utili. Risulta ancora aperto, tuttavia, il nodo dei riferimenti ai professionisti privi di parametri perché non regolati, in relazione ai quali può soccorrere la regolazione civilistica attraverso gli “usi” che il sistema camerale è in grado di rilevare. L’attuale passaggio alla Camera potrà costituire occasione per impegnare il governo a queste letture “naturali” senza le interpretazioni capziose di chi ha subito e mal digerito questo diritto generalizzato.

Gli emendamenti presentati alla Camera

L’ordine del giorno presentato alla Camera

Continua a leggere
ILO occupazione giovanile

ILO: azione energiche per far fronte alla debole ripresa del mercato del lavoro giovanile

La proporzione dei giovani tra i disoccupati a livello mondiale nel 2017 è stimata a oltre il 35 per cento secondo il rapporto dell’ILO sulle Tendenze globali dell’occupazione giovanile 2017. Nonostante il tasso di disoccupazione giovanile globale si sia stabilizzato al 13,0 per cento nel 2016, si prevede un leggero aumento al 13,1 cento per la fine di quest’anno. Il numero stimato di 70,9 milioni di giovani disoccupati nel 2017 rappresenta un importante miglioramento rispetto al picco di 76,7 milioni del 2009, ma il numero dovrebbe aumentare di ulteriori 200.000 nel 2018, raggiungendo un totale di 71,1 milioni.

Le tendenze dell’occupazione giovanile in Italia

Leggi una sintesi dell’intero rapporto

Leggi il comunicato stampa

 

Continua a leggere
Istat Scenari macroeconomici

Pil, l’Istat stima +1,5% nel 2017

Secondo la nota dell’ISTAT sulle prospettive dell’economia italiana per il 2017-2018, il proseguimento della dinamica positiva del mercato del lavoro determinerebbe un aumento dell’occupazione sia nell’anno corrente (+1,2% in termini di unità di lavoro) sia nel 2018 (+1,1%) contribuendo ad una progressiva diminuzione del tasso di disoccupazione (rispettivamente 11,2% e 10,9% nei due anni). Nel 2017 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) pari all’1,5% in termini reali. Il tasso di crescita è in accelerazione rispetto a quello registrato nel 2016 (+0,9%, Prospetto 1). Il miglioramento del Pil è atteso proseguire su ritmi analoghi anche nel 2018 (+1,4%). In entrambi gli anni la domanda interna al netto delle scorte contribuirebbe positivamente alla crescita del Pil per 1,5 punti percentuali; l’apporto della domanda estera netta sarebbe marginalmente negativo (-0,1 punti percentuali in entrambi gli anni) e la variazione delle scorte lievemente positiva nel 2017 (+0,1 punti percentuali) e nulla nell’anno successivo.

Continua a leggere
Alle Sei

Ve lo dico alle sei/ Jobs act: due sinistre ugualmente vecchie.

La contrapposizione tra Renzi e Bersani sull’art. 18 è oggettivamente datata e irrilevante. È vecchia la sinistra che vuole ripristinare il testo precedente al jobs act ma è vecchia anche la sinistra che ne difende la nuova versione. Sono infatti entrambe lontane dal pacchetto Macron che per incoraggiare le assunzioni riduce addirittura l’indennizzo del licenziamento illegittimo. Mentre noi, unico Paese europeo, conserviamo anche con il jobs act la reintegrazione come sanzione possibile e non convertibile. A ciò si aggiunga che la tutela vera del lavoro è oggi garantita dalle competenze per cui contano la buona istruzione e la buona formazione. Ma tutte e due le sinistre difendono i docenti e non gli studenti come dimostrano le stabilizzazioni di massa a prescindere dalle esigenze educative, i percorsi universitari costruiti sulle cattedre da aggiungere, i progetti formativi autoreferenziali di molti enti regionali.

Continua a leggere
Decreto fiscale

Decreto fiscale: la dichiarazione in dissenso di Maurizio Sacconi

Pubblichiamo a seguire la dichiarazione di voto in dissenso dal gruppo sulla fiducia al decreto fiscale (AS 2942) rilasciata da Maurizio Sacconi nella seduta d’Aula del Senato di oggi. 

Signor Presidente,

Care colleghe e cari colleghi,

in usuale dissenso dal gruppo che mi ospita, dichiaro che non parteciperò al voto di fiducia. Questo provvedimento contiene cose dannose, cose inutili e cose utili. Ed è proprio una di queste ultime ad indurmi a rinunciare ad esprimere un voto contrario. Mi riferisco all’introduzione dell’equo compenso delle prestazioni professionali che costituisce un principio fondamentale la cui affermazione è tanto più rilevante quanto più forte è la propensione in atto a svilire il lavoro al punto da pretenderne spesso la gratuità. È un ulteriore passo nella direzione dello Statuto dei lavori progettato da Marco Biagi e dedicato a garantire tutele fondamentali a tutti i lavori tanto dipendenti quanto indipendenti. Esso assorbe il contenuto principale del mio disegno di legge ora all’esame della competente Commissione di questa Camera, anche se non dovrà esserne dimenticata la parte dedicata ai tempi certi di prescrizione della responsabilità civile dei professionisti. Come tutte le vittorie ha molti padri, anche se fino all’altro ieri erano non pochi coloro che si ingegnavano a ipotizzare il vincolo dell’equo compenso solo per le amministrazioni pubbliche, a distinguere alcune professioni dalle altre o, addirittura, a proporre un salario minimo orario per opere che si misurano a risultato. Sono quindi soddisfatto della decisione di applicarlo a tutti i committenti come a tutti i professionisti, perché i principi non tollerano deroghe e perché obiettivo implicito rimane la tutela dei consumatori dalle prestazioni scadenti. Ora un atto interpretativo dovrà concorrere a dare definizione certa delle clausole vessatorie destinate a nullità, così come potrà individuare negli usi rilevabili dal sistema camerale il necessario riferimento per le professioni non regolate. Il lavoro insomma non è una merce e con questa norma abbiamo concorso a darvi dignità.

Continua a leggere
Istat

Istat, produttività: Italia fanalino di coda in Europa

Nel 2016 il valore aggiunto dell’intera economia ha registrato una crescita dello 0,9% rispetto al 2015. La produttività del lavoro, calcolata come valore aggiunto per ora lavorata, è diminuita dell’1%; quella del capitale, misurata come rapporto tra il valore aggiunto e l’input di capitale, è aumentata dell’1%. Nello stesso anno, la produttività totale dei fattori, che misura la crescita del valore aggiunto attribuibile al progresso tecnico e ai miglioramenti nella conoscenza e nell’efficienza dei processi produttivi, è diminuita dello 0,4% dopo gli aumenti registrati sia nel periodo 2009-2014 sia nel 2015. Complessivamente, nel periodo 1995-2016 la produttività del lavoro è aumentata ad un tasso medio annuo dello 0,3%. Tale incremento è la risultante di una crescita media dello 0,6% del valore aggiunto e dello 0,3% delle ore lavorate. La produttività totale dei fattori è diminuita dello 0,1% medio annuo. Tra il 1995 e il 2016 la crescita della produttività del lavoro in Italia è risultata decisamente inferiore alla media UE (1,6%). Tassi di crescita in linea con la media europea sono stati registrati dalla Germania (1,5%), dalla Francia (1,4%) e dal Regno Unito (1,5%). La Spagna ha registrato un tasso di crescita più basso (0,5%) rispetto alla media europea ma più alto di quello dell’Italia.

Continua a leggere
Istat PIL

Istat, +0,5% il Pil del terzo trimestre

Secondo gli ultimi dati ISTAT, nel terzo trimestre del 2017 il prodotto interno lordo (PIL), espresso in valori concatenati con anno di riferimento 2010, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, è aumentato dello 0,5% rispetto al trimestre precedente e dell’1,8% nei confronti del terzo trimestre del 2016. Il terzo trimestre del 2017 ha avuto tre giornate lavorative in più del trimestre precedente e una giornata lavorativa in meno rispetto al terzo trimestre del 2016. La variazione congiunturale è la sintesi di una diminuzione del valore aggiunto nel comparto dell’agricoltura e di un aumento nei settori dell’industria e dei servizi. Dal lato della domanda, vi è un contributo positivo sia della componente nazionale (al lordo delle scorte), sia di quella estera (esportazioni al netto delle importazioni). Nello stesso periodo il PIL è aumentato in termini congiunturali dello 0,7% negli Stati Uniti, dello 0,5% in Francia e dello 0,4% nel Regno Unito. In termini tendenziali, si è registrato un aumento del 2,3% negli Stati Uniti, del 2,2% in Francia e dell’1,5% nel Regno Unito. La variazione acquisita per il 2017 è pari a +1,5%.

Continua a leggere
Apprendistato Selezione Stampa

La formazione va liberata dal groviglio delle regole

Articolo di Alberto Orioli pubblicato su Il Sole 24 Ore

“I dati, come sempre, sono più duri della realtà virtuale delle polemiche politiche. L’inchiesta che pubblichiamo a pagina 3 del Sole 24 Ore in edicola lunedì 6 novembre dimostra chiaramente che il bonus della decontribuzione non cannibalizza l’incentivo legato ai contratti di apprendistato come invece denuncia da tempo chi in Parlamento è contrario al rifinanziamento delle misure per l’ingresso dei giovani nel mercato del lavoro. È troppo banale ridurre l’analisi a una competition “monetaria” tra incentivi: l’apprendistato resta di gran lunga lo strumento di maggiore convenienza economica, anche rispetto alla decontribuzione più generosa. Eppure non decolla.” Continua a leggere l’articolo su Il Sole 24 Ore

 

Continua a leggere
Senza categoria

Adapt, dieci tweet di commento sui nuovi dati ISTAT sull’occupazione

Continua a leggere
1 2 3 192